Xaar e Stratasys creano una nuova società di stampa 3D

Xaar 3D è la nuova società che include Xaar, con quota dell’85%, e Stratasys, con il restante 15% (e la possibilità di arrivare al 30% in futuro). Negli ultimi anni Xaar ha investito molto nella stampa 3D: nel 2016 il gruppo ha nominato Neil Hopkinson, inventore della sinterizzazione ad alta velocità, come direttore della stampa 3D e ha investito oltre 1 milione di euro del suo budget in 3D l’anno successivo.


Xaar e Stratasys creano una nuova società di stampa 3D
Xaar e Stratasys creano una nuova società di stampa 3D

Xaar 3D conserverà tutte le risorse di Sinterizzazione ad alta velocità di Xaar e sarà presieduta dall’amministratore delegato Doug Edwards, che ha affermato che l’investimento congiunto ha rafforzato il valore creato dagli investimenti di Xaar. “Siamo lieti di collaborare con un leader della stampa 3D, che riconosce il valore della tecnologia e delle competenze di Xaar”, ha dichiarato Edwards. Il valore dell’investimento nella nuova società non è stato divulgato.

La Sinterizzazione ad alta velocità (da ora in poi HSS) comporta la stampa di un inchiostro assorbente a raggi infrarossi su un letto di polvere di polimero. Dopo che ogni strato è stato stampato, l’energia infrarossa viene assorbita dall’inchiostro, sciogliendo le particelle di polvere sottostanti. Secondo Xaar, l’HSS può essere da 10 a 100 volte più veloce della sinterizzazione laser. Ha una vasta gamma di potenziali applicazioni, dall’industria aerospaziale e dentistica, ai beni di consumo.

Stratasys è stata fondata nel 1989 e ha una doppia sede negli Stati Uniti e in Israele. L’azienda si è fusa con Objet nel 2012 e ha proseguito acquisendo Makerbot l’anno successivo. Lo scorso anno, Stratasys ha registrato vendite per oltre 668 milioni di dollari (506 milioni di sterline).

Scott Crump, Chief Innovation Officer dell’azienda, ha detto di essere rimasto impressionato dai successi di Xaar finora nel campo della stampa 3D. Ha descritto i beni delle due aziende come “complementari” e ha detto che la nuova impresa “affronterà ulteriormente i requisiti di produzione additiva dei clienti per una gamma più ampia di applicazioni di produzione”.

Attualmente Stratasys è fortissima sulle stampanti 3d professionali FDM, che prevedono l’estrusione di un filamento termoplastico, insieme al sistema di stampa 3D a getto d’inchiostro Polyjet che utilizza le testine di stampa Ricoh.