3 vantaggi dei flaconi airless per cosmetici


I flaconi airless per cosmetici offrono una maggiore protezione, una qualità più alta del prodotto e un minor spreco.

 

Spesso la durata e la qualità dei cosmetici dipendono in buona parte anche dal loro contenitore. Lo sa bene chi utilizza i flaconi airless per i propri prodotti: questo tipo di packaging permette allo stesso tempo una perfetta conservazione e un’importante riduzione degli sprechi.

Ma andiamo per gradi. Innanzitutto, cosa sono i flaconi airless? Si tratta di contenitori con un sistema dispenser che sfrutta l’effetto sottovuoto ottenuto premendo la pompetta: con l’aiuto di un disco mobile e di un foro su fondo, il contenuto viene risucchiato all’esterno senza che l’aria debba entrare.

Questo meccanismo comporta tre grandi vantaggi:

  1. Migliore conservazione del prodotto
    Non entrando a contatto con l’aria, il cosmetico si ossida meno rapidamente. Questo significa che la vita del prodotto sarà maggiore e che le sue caratteristiche si manterranno intatte più a lungo.
  2. Maggiore sicurezza
    Senza il pericolo di venire ossidato dall’aria, il cosmetico può venire realizzato dosi elevate di conservanti. In questo modo, si riducono di molto i rischi di reazioni cutanee e dermatologiche.
  3. Minor spreco
    A differenza di altri sistemi, quello airless, sfruttando l’effetto sottovuoto, permette di utilizzare anche gli ultimi rimasugli del contenuto. Se odiate gli sprechi, allora potete stare sicuri che non questi flaconi non verrà mai buttata un sola goccia di prodotto.

 

Chi realizza i flaconi airless?

Se siete interessati a questa tipologia di flaconi e volete sapere dove trovarli. Potete contattare Vexel, azienda di Parma produttrice di packaging cosmetico, che ha dedicato ben quattro linee ai contenitori airless: i modelli di queste linee sono disponibili in diversi formati di capienza e sono personalizzabili con varie colorazioni e stampi, così da offrire la possibilità di avere un prodotto finale per le proprie necessità.