Valute digitali, il ban di Twitter scatena un’altra bufera

Ci risiamo. Ancora una volta le cronache finanziarie riportano notizie che coinvolgono il settore delle valute digitali. Questa volta a pesare sull’intero comparto è stato il ban di Twitter. Il colosso social ha infatti deciso di eliminare tutte le pubblicità relative a criptovalute e Initial Coin Offering (ICO, ovvero le raccolte fondi). Chiaramente si è trattato di un pessimo colpo per gli amanti degli investimenti in valute virtuali, anche se una tra tutte ha vissuto momenti terribili sui mercati. Stiamo parlando di Litecoin, quinta criptovaluta al mondo per capitalizzazione di mercato.


Valute digitali, il ban di Twitter scatena un'altra bufera
Valute digitali, il ban di Twitter scatena un’altra bufera

Pessimo periodo per le valute digitali

Il prezzo di questa valuta digitale ha sofferto molto di più delle sue “colleghe”, in virtù della chiusura di LitePay, il recente sistema di pagamento con carta di debito alimentato in LTC. Qualche giorno il CEO della compagnia ha informato la Litecoin Foundation di aver cessato ogni attività e di essere pronto alla vendita della compagnia. Questo è avvenuto dopo il rifiuto della fondazione a immettere nuovi capitali per finanziare il progetto. La notizia ha travolto la criptomoneta, spingendola nel giro di poche ore verso una perdita del 14% a 140,83 dollari, con l’Oscillatore stocastico lento (parametri 14 3 3) che ha picchiato al ribasso in iper-venduto.

E dire che fino a pochi giorni fa, nel panorama abbastanza blando delle valute digitali, molti analisti vedevano in Litecoin la possibile “mosca bianca”. Mentre il Cfd Bitcoin trading ristagna dopo un avvio super, molti suggerivano di posizionarsi bullish su questo asset. Il punto di forza veniva visto nel fatto che nei prossimi mesi la criptovaluta potrebbe essere adottata da importanti merchant online come ‘moneta da pagamento’. Inoltre Litecoin è una delle 20 coins che è possibile negoziare con la nuova app Abra, lanciata specificamente per semplificare gli investimenti nelle monete virtuali. E invece lo scenario si è capovolto in poco tempo.