Un melograno al giorno…


I nostri antenati lo consideravano la “cura di tutti i mali”, quel frutto che viene raccolto in autunno da grossi arbusti coltivati in tutta l’area mediterranea.

Il succo di melograno, o melograna che dir si voglia, è ricavato dalla spremitura dei cosiddetti arilli, involucri rossi dei semini del melograno. Appare come una bevanda molto gustosa e dissetante e, al tempo stesso, benefica per la nostra salute.

Sono numerosi, infatti, i benefici che si possono attribuire ad ogni componente di questo frutto cosi speciale:

-contrasta le cellule cancerogene grazie alla presenza di sostanze antiossidanti;
-i Flavonoidi contrastano i radicali liberi quindi evitano l’invecchiamento della pelle;
-l’Acido Allagico presente nella radice del frutto contrasta la Tania Solium, comunemente conosciuta come verme solitario;
-i Polifenoli proteggono da numerose allergie e dall’azione dei raggi UV favorendo una sana abbronzatura;
-le Vitamine A, B, C, E e K sono fondamentali per il sistema immunitario difendendoci dai sintomi influenzali (1 o 2 bicchieri di succo di melograno al giorno per una durata di tre mesi sono utili per contrastare l’influenza)
-le sostanze estrogene sono utili per affrontare i sintomi della menopausa tipica delle donne.

Continuando ad elencare i benefici di questo frutto, non dimentichiamo che contiene delle sostanze che aumentano naturalmente il livello di testosterone del 30% negli uomini senza alcuna controindicazione, assumendo il succo per circa 15 giorni consecutivi.

Il succo del melograno, quindi, oltre ad essere un afrodisiaco, un elisir di giovinezza, è famoso tra i consumatori moderni per i notevoli rimedi contro la depressione e contro la formazione di carie ai denti.

Gli esperti consigliano di bere una dose di 50 ml al giorno per chi soffre di pressione alta, tuttavia la dose consigliata per fornire al corpo tutte le vitamine di cui ha bisogno si aggira ai 250 ml (un bicchiere), particolarmente consigliato per le donne in stato di gravidanza.