Un localizzatore GPS per la sicurezza di anziani, bambini, lavoratori e sportivi


Quando si parla di tracciatori GPS la prima cosa che ci viene in mente sono detective privati e pedinamenti: ma se è vero che un localizzatore GPS è utile per spiare i percorsi di un veicolo o di una persona sospetta, è anche vero che esistono dispositivi di questo tipo nati con finalità del tutto diverse. Fra questi vi sono i tracker che uniscono, alla funzione di geolocalizzazione, anche quella del telesoccorso: oltre a permettere di conoscere la posizione esatta di chi li indossa, questi oggetti consentono al proprietario di inviare una richiesta di aiuto a uno o più numeri telefonici memorizzati in rubrica. Una risorsa preziosa per chi ha a cuore la sicurezza dei propri cari, soprattutto bambini e anziani.

Cosa fa un localizzatore GPS per bambini

Un dispositivo di telesoccorso con rilevatore GPS integrato permette di non perdere i figli più piccoli in ampi spazi aperti o in luoghi molto affollati: in spiaggia, a un concerto, in metropolitana, lungo un percorso di trekking in mezzo ai boschi. Quale invece la sua utilità se i bambini sono più grandicelli, magari già iscritti alla scuola media? Pensate a tutti quei tragitti che desidererebbero fare da soli, senza essere accompagnati da voi, ma che vi peritate a conceder loro di fare proprio per il timore che qualcosa di inatteso possa capitare lungo la via: un GPS tracker vi consente di assecondare, nei limiti del ragionevole, il desiderio di autonomia dei vostri bambini ma di sapere in ogni momento la loro posizione esatta, sedando quindi ogni vostra ansia.

Alcuni localizzatori GPS dispongono tra l’altro di una funzione geofencing, grazie alla quale è possibile stabilire aree o tracciati sicuri: se il bambino li supera, si viene subito avvertiti con un messaggio sul proprio telefono cellulare. E se lui o lei dovessero avere bisogno di aiuto, possono richiederlo premendo un semplice tasto.

Il tracker usato come telesoccorso per anziani

Questi dispositivi di telesoccorso sono utili anche se si hanno genitori anziani che vivono da soli, perché oltre alle funzioni già illustrate dispongono in genere anche di un sensore di cadute, in grado di rilevare anomalie nei movimenti di chi li indossa. Scegliere un localizzatore GPS come Helpy Oops, dotato di tale funzionalità, è fondamentale se l’anziano a cui è destinato ha qualche difficoltà motoria. Comunque sia, in caso di malore lo stesso anziano può inviare una richiesta di soccorso ai numeri preimpostati.

Gli altri utilizzi di un localizzatore GPS: sicurezza sul lavoro e nello sport

I dispositivi come Helpy Oops permettono infine di aumentare la sicurezza su luoghi di lavoro come cantieri o fabbriche. Le stesse funzioni che ne fanno un ottimo dispositivo di teleassistenza per anziani lo rendono infatti anche un perfetto dispositivo di protezione individuale (DPI) per i lavoratori in quota: esso rileva le cadute, permette di inviare richieste d’aiuto e di comunicare in vivavoce con i colleghi. Il laccetto e la clip di fissaggio consentono di indossarlo lasciando le mani libere e le sue dimensioni compatte non lo rendono d’intralcio nei movimenti. Per questo motivo, il localizzatore GPS rappresenta una risorsa fantastica anche per chi pratica arrampicata o altri tipi di sport in quota e all’aria aperta.