Un Costo Ideale per l’Olio di Argan


L’Olio d’Argan è arrivato fino a noi dopo un uso secolare seguendo la tradizione degli agricoltori nel sud del Marocco. Le sue proprietà benefiche lo rendono ideale per prendersi cura del proprio corpo in modo naturale e solidale.

Naturale perché la sua applicazione avviene in quantità pura al 100% oppure miscelato con altri oli vegetali. La composizione pura permette di essere impiegato nell’affrontare problemi relativi alla pelle oltre alle proprietà benefiche di ringiovanimento.

Ha un aspetto solidale perché la sua produzione è gestita da cooperative femminili le quali hanno lo scopo di portare all’emancipazione economica i nuclei familiari che vivono in aree meno sviluppate. Queste organizzazioni sono chiamate L’Union des Cooperatives des Femmes de l’Arganeraie (UCFA). Il fine principale è portare una quantità di reddito equa tra le diverse aree dove avviene la coltivazione.

Il doppio uso

L’Olio d’Argan ha due impieghi, quello in campo alimentare e quello cosmetico. Nel settore dell’alimentazione viene visto come un elemento con il quale condire insalate, cous cous e altre pietanze al pari dell’olio d’oliva mediterraneo.

È nella cosmesi che ha maggiore importanza. Tante aziende hanno cominciato a inserirlo nei loro prodotto per avvalersi delle sue capacità rigeneranti. Ci sono molti shampoo e saponi sul mercato dove l’Olio di Argan è parte del processo produttivo. La sua qualità è elevata e i trattamenti nel quale viene impiegato avranno un punto in più rispetto agli altri.

Come si produce

La produzione dell’olio è differente per quanto concerne alimentazione e cosmesi. Il metodo agricolo e secolare consisteva nello sbriciolamento delle noci creando una pasta acquosa dalla quale si sarebbe estratto l’olio. Il procedimento prevedevo l’impiego di acqua e questo lo rendeva più difficile da conservare nel tempo. In più la resa era bassissima e necessitavano di un grande quantità di materia prima. Con il metodo meccanico invece le cose sono cambiate. Possono essere estratti 10l d’Olio d’Argan ogni ora risparmiando in termini di tempo. Non è necessario l’utilizzo dell’acqua per creare la pasta dalla quale si ricava l’olio vegetale e questo fa in modo che si mantenga più a lungo nel tempo.

 

È nella cosmesi che l’Olio di Argan trova il suo sentiero. Le proprietà benefiche lo rendono idoneo per trattare la pelle e le lievi infiammazioni. Ecco un elenco delle parti del corpo per il quale è indicato:

  • La sua applicazione sulle unghie può donarli lucentezza, elasticità e idratazione. Ci sono prodotti specifici nei negozi di cosmesi oppure è di facile utilizzo in casa se impiegato con del succo di limone della stessa quantità impiegata.
  • Per i capelli è un toccasana perché gli impacchi possono renderli morbidi, lucenti e contrastano gli effetti negativi come le doppie punte e il crespo.
  • L’Olio d’Argan ha un grande effetto sulla pelle: riesce a idratarla senza lasciarla unta, i giovani posso impiegarla per combattere l’acne, l’avanzare dell’età porta con le rughe questo olio vegetale ha un effetto anti-age.
  • Per le donne in gravidanza è utile in quanto diminuisce l’effetto delle smagliature e cerca di prevenirle.
  • Per l’uomo invece può diventare un alleato nel prevenire le irritazioni che si formano dopo la rasature. Applicarne alcune gocce sulla pelle liscia in modo costante nel tempo è sufficiente per vederne i risultati.
  • L’ultimo impiego per il quale si può utilizzare sono i massaggi. Il contatto dell’Olio sulla pelle unito a delle mani capaci di sciogliere le tensioni del corpo lo rendono un prodotto da non poter non utilizzare.

 

Più che un olio

Per quanto riguarda il costo dell’Olio di Argan è sufficiente da non poterci rinunciare perché i suoi vantaggi sono di gran lunga superiore a quello che si può immaginare. Egli è diventato un prodotto che conquista una parte sempre maggiore del mercato e nel tempo la sua crescita non si fermerà. Il fatto che unisca una produzione di qualità affiancata al sostentamento della popolazione nel sud del Marocco permette di trovare al suo interno un doppio scopo. Quello di fornire un sostituto dei prodotti sintetici e chimici in circolazione e infine contribuire in modo costruttivo in un mondo dove nessuno guadagni qualcosa a scapito di qualcun altro.