“Traversata nelle ere”: Roberto Bullio riporta il fantasy alle sue origini

“Traversata nelle ere” è il romanzo fantasy di Roberto Bullio in cui un gruppo di guerrieri parte alla ricerca dell’Aurora, il primo dei sette Arcani. Tra epoche passate, diverse forme di vita ed esperienze soprannaturali, il gruppo scoprirà sconcertanti verità sul passato e sull’imminente futuro.

E’ così che Alexis, Shivien, Ammiano, Esecutore, Lyndal e Camthalion iniziano la loro terrificante avventura. I personaggi del romanzo sono ben caratterizzati e, ognuno di essi, mostra un proprio stile e una propria etica. Joira, re di Memorian, – ad esempio – colui che raccoglie gli avventurieri per il viaggio alla ricerca dell’Aurora, è uno dei personaggi più complessi del romanzo. La sua risolutezza nasconde qualcosa di sinistro e spaventoso che porterà il gruppo di guerrieri ad affrontare nuovi e vecchi mondi.

Roberto Bullio costruisce con maestria mondi e personaggi, recuperando le origini del genere fantasy. Dalle pagine di “Traversata nelle ere” emerge il grande lavoro di ricerca fatto dall’autore, che non esita a utilizzare architetture tipiche della scrittura gotica, mescolandole con l’epica.

L’autore riesce a ricreare atmosfere e mescolare generi, anche se è il fantasy, nella sua accezione più classica, a farla da padrone in questo libro. La “Traversata nelle ere” è pervasa anche da un certo romanticismo classico, che strizza l’occhio al Werther di Goethe. Nell’intero romanzo, infatti, il narratore vive con passione i suoi giorni, e i suoi compagni d’avventura sono mossi da emozioni travolgenti.

La scrittura di Roberto Bullio in “Traversata nelle ere”, infine, è accompagnata dalle suggestive illustrazioni dell’artista Edoardo Casini che conferiscono all’opera un ulteriore tocco di originalità.

Acquista su Amazon