Torte, bignè, cioccolatini… quanto sono creativi questi pasticceri!


La creatività è una caratteristica fondamentale nel campo della pasticceria.
Il pasticciere sa giocare con gli ingredienti, proporre una ricetta in mille modi diversi, realizzare abbinamenti fra sapori differenti. Senza creatività, infatti, l’arte di preparare dolci lascerebbe il posto alla mera imitazione di ricette sempre uguali fra loro.

L’arte pasticcera fra tradizione e innovazione
Essere un bravo pasticciere vuol dire da un lato portare avanti la tradizione culinaria del proprio paese ma dall’altro essere in grado di rivisitarla al momento giusto.
Quando i dolci più classici incontrano l’estro di un pasticcere professionista si presentano ai nostri occhi in vesti diverse e danno vita ad una nuova esperienza degustativa.

Il bignè fra presente, passato e futuro
Il bignè è un classico di sempre. Gradito da grandi e piccoli è considerato da molte famiglie il dolce della domenica.
La farcitura classica è la crema pasticcera o chantilly mentre la copertura consiste quasi sempre in una semplice spolverata di zucchero a velo o in una glassa al cioccolato fondente. Oggi questi piccoli scrigni dorati si possono trovare in molte varianti sia nella glassa che nel ripieno. Tutto dipende dalla fantasia del pasticciere.
L’involucro del bignè generalmente resta fedele alla tradizione mentre con i diversi riempimenti si possono creare dei dolcetti davvero originali: crema al pistacchio, alla nocciola, al caffè e al limone oppure il ripieno di panna e fragole o di ricotta e pera… Insomma ce n’è per tutti i gusti!

Fare torte per sorprendere gli occhi ed il palato
Spostando l’attenzione su un altro classico della tradizione culinaria italiana, le torte, ci si rende conto ancor di più di quanto sia fondamentale la creatività in un pasticciere.
Per fare un esempio tra i tanti possibili, negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede la moda di decorare le torte con cioccolatini e barrette di cioccolato. I bambini, ispirati dai compleanni dei loro amichetti e dalle immagini presenti sul web, chiedono sempre più spesso di festeggiare con un dolce speciale ricoperto da confetti colorati e con torte a forma di barretta di cioccolato gigante.
In questo caso la creatività del pasticciere non deve avere limiti e in alcuni momenti deve addirittura superare la fantasia dei più piccoli.

Quando la tradizione viene interrotta…
Nell’arco dell’anno le occasioni per fare festa sono davvero tante. Oltre ai compleanni c’è San Valentino, gli onomastici, gli anniversari, Pasqua, Natale e chi più ne ha più ne metta!
Quale modo migliore per festeggiare se non una buona scatola di cioccolatini?
Di cioccolatini ce ne sono davvero di tutti i tipi e la moda di accostare gusti contrastanti è sempre più diffusa, basta fare un giro sul web per trovarne di più strani.

Il connubio cioccolato fondente e peperoncino è oramai conosciuto da tutti ma siamo certi che molti di voi non hanno ancora avuto occasione di provare il cioccolatino alla birra, il cioccolatino al bacon e il cioccolato al parmigiano reggiano.
Se è vero che questi prodotti sono stati messi sul mercato dai pasticcieri più innovativi e più bizzarri ci chiediamo che cosa dicono i consumatori di questi gusti apparentemente impensabili.
Quindi se la capacità di un bravo pasticciere sta nel riadattare la tradizione, come la mettiamo quando questa viene totalmente stravolta? Vale davvero la pena abbandonarla ed inventare gusti totalmente nuovi?