Torino tra cultura e ambiente


Il capoluogo lombardo è senza dubbio una tra le più importanti città d’Italia per cultura ed economia e occupa un posto di tutto rilievo anche nel panorama europeo e non solo. A dimostrarlo, tra l’altro, è anche il tasso in continua crescita della domanda di case in affitto a Torino.

Nota come città industriale per eccellenza, negli ultimi anni ha saputo trasformarsi e migliorarsi vedendosi affiancata capitali europee del calibro e del prestigio di Vienna (Austria), Lisbona (Portogallo), Dublino (Irlanda), Copenaghen (Danimarca), Budapest (Ungheria), Bruxelles (Belgio) e persino Madrid (Spagna), come dimostrato dal rapporto Rota del 2016. Nonostante il gran numero di veicoli a motore in circolazione, la città si colloca tra le prime dieci posizioni nella classifica delle città europee più “scorrevoli” (tra quelle che presentano una popolazione che supera gli ottocento mila abitanti).

Dal punto di vista dell’ambiente, invece, la città vanta dei record e dei primati negativi e non del tutto piacevoli per gli abitanti. Infatti Torino conserva il primato (condiviso con altre città dell’eurozona) di città più inquinata d’Italia e d’Europa. Proprio in questo periodo dell’anno, poi, i valori e gli indici di inquinamento ambientale tendono ad innalzarsi a causa dell’abbassamento delle temperature e la conseguente accensione dei riscaldamenti in migliaia di case e appartamenti.

Un dato confortante per i cittadini del capoluogo piemontese e non solo è rappresentato dal fatto che il tasso di inquinamento dell’aria e dell’ambiente torinese risultano migliori ed in costante miglioramento rispetto ai dati di quindici anni fa.

Per aiutare i Comuni ad avere un maggiore controllo sui livelli d’inquinamento permettendo l’adozione di misure cautelari volti a contingentare le gravi ripercussioni, vi è il cosiddetto “Semaforo antismog regionale”. Questo funziona come un comune semaforo stradale:

  • Con semaforo a colore giallo è previsto il blocco della circolazione urbana per i diesel Euro tre;
  • Con semaforo arancione blocco degli Euro quattro;
  • Con semaforo rosso blocco totale.