Tendenza estate 2016: gli arricciacapelli migliori e il look per la bella stagione


Chi di voi non ha mai usato i bigodini? Strumento un po’ vintage ma ancora molto apprezzato soprattutto dalle signore più avanti con gli anni, il bigodino esiste da tantissimo (almeno dai tempi di Cleopatra) e già a metà degli anni ’60 veniva usata la versione elettrica creata in Giappone.

Questo evergreen è stato messo da parte soprattutto con l’avvento dei ferri arricciacapelli, ed è in questo articolo che vi andremo a spiegare quali sono gli arricciacapelli migliori e come realizzare stupendi capelli mossi e ondulati che durano a lungo.




Cominciamo dallo shampoo, che deve essere leggero per permettere alle lunghezze di rimbalzare, e dalla fase di risciacquo che deve essere molto accurata per lasciare i capelli senza residui. Potete anche abbandonare il balsamo e utilizzare solo un olio leggero come trattamento prelavaggio, e di certo il consiglio è quello di applicare una mousse volumizzante sulle lunghezze per la tenuta della piega.

Passiamo alla fase dell’asciugatura, scegliete un phon senza beccuccio e muovete le ciocche con le dita per togliere l’umidità fino a che i capelli saranno completamente asciutti. A questo punto scaldate bene il vostro ferro arricciacapelli e create le onde a vostro gusto (più o meno larghe in base al risultato che volete ottenere) infine vaporizzate un po’ di lacca su tutte le lunghezze.

Se avete poco tempo vi basterà applicare sui capelli umidi una mousse volumizzante, asciugare i capelli a testa in giù e dividerli in grosse sezioni. A questo punto create i vostri ricci alternando la loro direzione dei ricci.