Spread al 4% per la Cessione del Quinto a Pensionati INPS


Grandi notizie per i lavoratori ritirati in pensione!

Tasso agevolato per prestiti e cessione del quinto a pensionati INPS per mezzo della convenzione stipulata dall’ente, con i maggiori istituti di credito, tra cui rammentiamo i principali: Intesa San Paolo, IBL Banca e Banca Santander.

La convenzione INPS permette ai pensionati di ricevere dei prestiti a tasso agevolato, intorno al 4% di spread.

Lo spread cambia a seconda dell’età anagrafica e del genere sessuale del pensionato e, in tutta evidenza, della banca scelta.

La convenzione INPS favorisce anche i pensionati di tutti gli enti di previdenza sociale da poco accorpati all’INPS stessa, che enumeriamo a beneficio dei propri assistiti:

  • EPPI
  • IPOST
  • ENPALS
  • ex-INPDAP
  • ENASARCO
  • CNPR
  • ENPAM
  • INPDAI

Da uno studio è risultato che in Italia una quantità sempre superiore di pensionati si ritrova nella necessità di chiedere un prestito per affrontare numerose esigenze, che si concretizzano dalla semplice ristrutturazione di casa al sempre più frequente aiuto ai propri figli e nipoti, spesso con lavoro part time.

Per questo motivo, di questi tempi, tanti pensionati sono ricorsi al credito al consumo, incontrando non di rado differenti tipi di difficoltà, fra le quali, in molti casi, tassi d’interesse al limite del lecito.

PERCHÉ SCEGLIERE LE BANCHE CONVENZIONATE PER UNA CESSIONE DEL QUINTO A PENSIONATI INPS

Fortunatamente, già da qualche anno, in caso di bisogno, anche i percettori di pensione, oltre a dipendenti privati, pubblici e statali, possono ricevere nuova liquidità tramite la cessione del quinto a pensionati INPS.

Fare una cessione del quinto della pensione attraverso le Banche che hanno sottoscritto la convenzione INPS è molto conveniente, poiché il risparmio conseguito sugli interessi è significativo.

In questa maniera il pensionato, a parità d’importo richiesto, si ritroverà a pagare una rata parecchio meno impegnativa, rapportata a quella che otterrebbe ricorrendo a istituti non convenzionati.

Tra le diverse gamme di prestito che la piazza creditizia propone in questa fase economica, il pensionato si trova sovente a non sapere quale scegliere, perché non comprende quale sia il più adeguato alle proprie esigenze.

La cessione del quinto a pensionati INPS è stata pensata proprio per agevolare questo tipo di decisione ed i privilegi che prevede sono diversi:

  • non è necessaria nessuna garanzia;
  • nell’evenienza di dipartita prematura il debito viene saldato da un’assicurazione (cosicché non pesa sui congiunti);
  • opportunità di richiesta concessa pure ai cattivi pagatori e a chi ha altri prestiti in ammortamento;
  • nessun costo di pagamento rata;
  • procedura di richiesta semplificata (sono necessari solamente un documento d’identità, il codice fiscale ed il cedolino della pensione);
  • possibilità di far riferimento a istituti di credito convenzionati;
  • opportunità di ottenere somme considerevoli (superiori ai prestiti personali).

La convenzione statuisce ciò che è scritto sotto:

“Con determinazione del Presidente n. 76 del 5 aprile 2013, è stato approvato il nuovo schema di convenzione tra l’Istituto e i soggetti (Banche ed Intermediari finanziari) provvisti dei requisiti di legge ivi indicati, finalizzata alla concessione di prodotti di finanziamento a pensionati INPS.

L’iniziativa è volta a garantire l’accesso ai finanziamenti da parte dei pensionati, assicurando la massima qualità del servizio e la possibilità di ottenere le migliori condizioni di mercato.”

Con la cessione del quinto a pensionati INPS, si può avere un prestito che si può rateizzare fino a 10 anni, con differenti benefici:

  • Tasso fisso
  • Rate costanti (ogni mese si paga la medesima cifra, senza alcuna sorpresa)
  • Trattenuta diretta sulla pensione (nessun bollettino e niente bonifici)
  • Non occorre aprire un nuovo conto corrente.

Come ha indicato anche Il Sole 24 ore, in questi ultimi anni lo sviluppo delle richieste di cessione è particolarmente rilevante.

Per chiedere una cessione del quinto della pensione, per mezzo di istituti di credito convenzionati, è sufficiente percepire un trattamento pensionistico INPS e non avere superato i 75 anni di età anagrafica.

Allo scopo di aderire a questo modello di convenzioni è possibile consultare il sito del “Credito in convenzione”: visita il sito.