Spedizioni a temperatura controllata: il ruolo della mappatura termica

Nelle spedizioni a temperatura controllata, la mappatura termica è fondamentale per garantire la corretta conservazione delle merci.

Spesso e volentieri, durante le spedizioni a temperatura controllata, si ricorre ad ambienti refrigerati ed aree di stoccaggio (furgoni e magazzini sono esempi perfetti), i quali dovrebbero essere progettati e pensati per garantire l’integrità dei prodotti ospitati.

Questo avviene in numerosi contesti, quali:

  • Officine farmaceutiche
  • Strutture ospedaliere
  • Centri terapeutici
  • Aziende di logistica
  • Laboratori analitici

Tuttavia, le capacità di refrigerazione e le performance deve essere qualificato, comprovato e documentato da un processo specifico di test. Questo per 2 motivi:

  1. Garantire la sicurezza termica di tali ambienti
  2. Individuare quali sono le zone più soggette a variazioni

Il secondo punto è particolarmente importante, visto che all’interno dello stesso ambiente possono essere riposte merci con caratteristiche e necessità termiche differenti. Di conseguenza, per assicurare la corretta conservazione di ognuno, la mappatura termica sarà fondamentale per sapere come posizionare ogni prodotto.

Spedizioni a temperatura controllata: il ruolo della mappatura termica
Spedizioni a temperatura controllata: il ruolo della mappatura termica

Come effettuare una mappatura termica

Per effettuare una buona mappatura, è possibile rivolgersi ad Air Sea Italia, azienda fornitrice di soluzioni per le spedizioni a temperatura controllata. Il kit di mappatura termica, ideale per magazzini e mezzi di trasporto, comprende:

  • Protocollo di mappatura termica progettato esclusivamente per ambienti di conservazione specifici, per garantire che i risultati riflettano con precisione le condizioni attuali e gli estremi ambientali previsti
  • Profili di temperatura documentati nel tempo per identificare in modo completo le condizioni e le variazioni in tutta l’area di deposito che viene mappata
  • Prove per supportare la conservazione di prodotti specifici in luoghi specifici per avere la conformità con le Good Distribution Practices (GDPs) e con gli enti regolatori conservazione che regolamentano i vostri depositi
  • Calcoli di Mean Kinetic Temperature (MKT) [temperatura cinetica media] per aree separate, per mostrare l’effetto delle fluttuazioni della temperatura conservazione durante lo stoccaggio
  • Identificazione delle aree problematiche per aiutare a ridurre la variabilità