Software per commercialisti in Cloud


Lo studio moderno ha bisogno sempre più spesso di avere un costante collegamento con i dati del cliente. Per questo negli ultimi anni si è diffusa in vari ambiti professionali la tecnologia Cloud. Il professionista che utilizza un software per commercialisti in cloud può avere notevoli vantaggi introducendo nello studio un nuovo modo di lavorare.

Cos’è il Cloud?

Letteralmente la parola cloud significa “nuvola”. In ambito informatico si utilizza per indicare una architettura logica per cui delle risorse informatiche (file di diversi tipi) vengono condivise da più dispositivi attraverso una connessione internet.

Quali vantaggi per lo studio?

Il lavoro in mobilità prevede una serie di vantaggi pratici ed economici.

Tutti gli archivi sono salvati presso dei server protetti che permettono di avere un elevato livello di sicurezza e un salvataggio programmato ricorrente (backup) di tutti i database. Il commercialista ottiene velocità di elaborazione dati, sicurezza e stabilità.

I vantaggi economici sono legati al fatto di non dover più investire in apparecchiature fisiche, poiché per usufruire della tecnologia cloud è necessaria la sola connessione internet.

Il lavoro sempre con il professionista

L’accesso diventa immediato da qualunque postazione si possa avviare l’applicativo. L’utente potrà lavorare in viaggio o anche direttamente dal cliente (es. il commercialista che si collega direttamente dalla sede dell’azienda cliente).

Accessi simultanei ai dati, privacy e sicurezza

Il cloud permette anche di accedere simultaneamente agli archivi con utenti diversi e poter lavorare su ditte diverse.

I dati salvati nei server remoti non saranno solo sicuri ma anche maggiormente protetti da aggressioni esterne.

Cloud GB

Gli applicativi prodotti da GBsoftware S.p.A. sono stati sviluppati anche in modalità Cloud così da poter mettere a disposizione del cliente queste importanti opportunità. È possibile provare gratuitamente i programmi contabili e fiscali per poi richiedere questa versione e testare la qualità e le performance della “nuvola”.