Alla scoperta di Fiumicino, del suo paesaggio e dei suoi tesori archeologici


Sullo sfondo di un frenetico aeroporto internazionale e offuscata dal vicinissimo splendore della città eterna, la cittadina di Fiumicino merita senz’altro una sosta, per andare alla scoperta del suo centro storico intatto, del suo porto pittoresco, dei suoi tesori archeologici e delle lunghe spiagge dorate nei dintorni. Fiumicino sorge a valle della capitale, dove le acque del Tevere si dividono, delimitando con due bracci la verde Isola Sacra; l’uno seguendo l’antico alveo del fiume, entra in mare a nord del lido di Ostia, l’altro, che fu il canale del porto di Traiano, sbocca più a settentrione.


Fiumicino paesaggio tesori archeologici


Fin dai tempi più antichi la zona è stata caratterizzata da un intreccio di traffici tra fiume e mare: nel 42. d.C. infatti l’imperatore Claudio decise di realizzare un porto a Nord di Ostia, poiché il vecchio scalo sul Tevere era ormai insufficiente a contenere i traffici fluviali di Roma. Attorno al Portus si stabilirono dunque i primi insediamenti, i cui resti sono emersi in occasione degli scavi per la costruzione dell’areoporto. Ora è possibile ammirarli nel Museo delle Navi Romane, dove si conservano le chiglie di quattro navi mercantili del III e IV secolo e resti di altre imbarcazioni.

Consigliamo di trovare alloggio presso uno dei tanti hotel o b&b di Fiumicino come l’ottimo RomeairportInn, http://www.romeairportinn.com/ , che segnaliamo per la qualità del servizio e camere. Nel parco Archeologico Naturalistico del porto di Traiano, immerse in un suggestivo scenario naturale tra eucalipti, pini e lecci, si possono visitare, invece, grazie ad uno splendido itinerario pedonale, le strutture intatte del porto traianeo, costruito a partire dal 106 d.C., come l’enorme vasca esagonale e i circostanti magazzini, un faro, templi, terme e addirittura un teatro romano. E’ però sicuramente l’Isola Sacra, il luogo più affascinante della città di Fiumicino: in questa zona, compresa tra i due bracci del Tevere, si conservano le tracce degli antichi insediamenti.

E’ perfettamente conservato, grazie alla secolare opera di insabbiamento del fiume, un antico sepolcreto, conosciuto come la Necropoli dell’Isola Sacra o di Porto. Qui si conservano le tombe destinate agli abitanti dell’antica Porto, edificate tra il I e il III secolo ed allineate in filari paralleli, che creano veri e propri sentieri. Gli ambienti e le facciate delle sepolture erano finemente decorati con pitture, stucchi e mosaici che permettono di ricostruire uno spaccato della vita delle popolazioni che abitavano la zona.

Meritano una visita anche la Basilica di S. Ippolito di età paleocristiana e il vicino Antiquarium, dove è conservato un pregevole ciborio di epoca carolingia. L’esplorazione della città di Fiumicino non può non portarci a scoprire la suggestione del suo vivace porto e della sua darsena, dove si mantiene intatta la tradizione della pesca e dove, dal lato della Torre Clementina, al ritorno dei pescherecci, ogni sera si assiste a un pittoresco mercato. Una sosta nella zona è l’occasione per escursioni nella natura: da non perdere quella nella Riserva Naturale Statale del Litorale Romano, un’area protetta che da Palidoro a Fregene comprende una lussureggiante pineta lambita dal mare e arricchita dalla tipica macchia mediterranea.
Per gli amanti del mare e del relax,

Fiumicino è, inoltre una rinomata località balneare, con strutture e stabilimenti che offrono ogni tipo di comfort. Anche la vicina Fregene è un signorile centro balneare, sparso di villini , nel mezzo di una magnifica pineta. Meta tradizionale dei romani in cerca di relax, vanta una bella e lunga spiaggia. Chi capita a Fiumicino nella seconda domenica di giugno, può partecipare all’annuale Sagra del Pesce, con 10 quintali di frittura di pesce preparata in un’enorme e caratteristica ” Padellata”. Ad Ottobre invece si festeggia il patrono Sant’Ippolito con una caratteristica processione di barche in mare.