Scegliere gli infissi per la propria casa


Come scegliere gli infissi più giusti per la nostra abitazione?
Prima di tutto bisogna stabilire se preferiamo quelli in legno, in alluminio o in PVC. In secondo luogo bisogna capire, in merito agli spazi (più o meno ampi, più o meno agevoli di raggiungere, piò o meno soggetti all’uso) qual è il tipo di apertura per il quale conviene optare. E poi, ovviamente, è necessario avere chiaro, in relazione ai dati di fatto (orientamento degli infissi, naturale e originaria predisposizione della casa alla luce e al calore) se è d’uopo considerare doppi oppure tripli vetri.

Eppure, anche dopo aver valutato tutti questi elementi, la nostra disamina non può ancora definirsi conclusa, giacché mancano ancora degli aspetti essenziali. Primo fra tutti, il prezzo. E questo lo fanno tanto gli infissi (intesi come strutture) quanto i vetri. Se in linea di massima per i prodotti in legno si devono prevedere circa 200 euro a metro quadro, quelli in PVC ammontano a 300 euro. Per i prodotti in alluminio o combinati si deve invece essere disposti a pagare (un bel po’) di più, così come se si decide di accrescere gli spessori dei vetri o delle camere d’aria (oltre i 12 millimetri) oppure se si volessero vetri più performanti dal punto di vista dell’isolamento termico, come i vetri basso emissivi o quelli selettivi.

A questi prezzi, vanno poi aggiunti i costi per la manutenzione (che, se per i modelli in PVC sono praticamente nulli, per quelli in legno possono anche essere abbastanza incisivi, soprattutto perché vi si dovrebbe procedere almeno ogni 3 anni) e quelli per la posa in opera.