Ricambi veicoli industriali: vademecum per i meno esperti


ricambi veicoli industrialiQuella che segue è una guida all’acquisto di  ricambi veicoli industriali ovvero un ausilio per chi decida di imbarcarsi nell’impresa di riparazione o ammodernamento del proprio veicolo e intenda provvedere autonomamente al reperimento dei ricambi veicoli industriali. Se non si conoscono le tipologie e le caratteristiche dei diversi componenti dei veicoli, non è semplice riconoscere la qualità del pezzo di ricambio pertanto avrà non poche difficoltà nel fare una scelta d’acquisto opportuna. Nella maggior parte dei casi l’utente finale si affida ad un carrozziere che si occupa della riparazione e anche della fornitura dei ricambi.  Ma se ci si vuole occupare personalmente dell’acquisto dei ricambi per veicoli industriali, sarà utile affidarsi a questa guida per non incorrere in errori. 

La materia è molto complessa, lo è sempre stata, ma con l’avvento del commercio online il ventaglio delle possibilità si è ampliato a dismisura. Le distanze si sono accorciate e le conseguenze sono senza dubbio positive, ma l’ampliarsi delle possibilità porta con se l’aumento del rischio di acquisti sbagliati. Rispetto agli altri settori merceologici, il commercio telematico dei ricambi per veicoli industriali è giunto un po’ di ritardo, ma attualmente gioca un ruolo di grande rilievo. In internet sono molteplici oggi i siti che propongono ricambi a prezzi vantaggiosi, ma non tutti vantando la medesima attendibilità e sicuramente non è la stessa può assicurare un rivenditore di zona, pertanto diventa indispensabile accertarsi della provenienza e dell’affidabilità del produttore del particolare.

Iniziamo con il chiarire le differenze tipologiche dei ricambi veicoli industriali, poiché è la base di partenza per decidere che tipo di ricambio acquistare. Oltre ai ricambi originali, esistono ricambi di aftermarket, equivalenti, rigenerati, low-cost:

  • i ricambi veicoli industriali aftermarket sono pezzi equivalenti ai ricambio originali ma commercializzati direttamente dall’azienda che lo produce per la casa madre del veicolo, sono quindi ricambi omologati al primo impianto delle macchine;
  • i ricambi equivalenti sono ricambi che non vengono prodotti secondo le specifiche tecniche e gli standard di produzione della casa costruttrice;
  • i ricambi rigenerati sono ricambi usati che, attraverso un processo che attraversa varie fasi (smontaggio, pulitura, sostituzione, controlli di efficienza, qualità, ecc.), vengono riportati agli stessi livelli prestazionali dei ricambi nuovi;
  • i ricambi lowcost sono, molto spesso, di ricambi contraffatti, prodotti nei paesi asiatici, simili al ricambio originale ma del tutto illegali, perché prodotti con materie di bassa qualità e che non rispettano gli standard produttivi richiesti.

ricambi veicoli industriali aftermarket sono una valida alternativa al ricambio originale in quanto garantiscono un ottimo rapporto qualità-prezzo e, se di qualità e autentici, continuano ad assolvere con perfezione il compito dei precedenti pezzi, garantendo al camion prestazioni ottimali e sicurezza totale. Per avere una garanzia del livello qualitativo si può richiedere la certificazione internazionale di qualità e conformità alle normative europee.

Dopo aver scelto che tipo di produzione prendere come riferimento ci si può affacciare nello store online o personamente in un negozio di ricambi veicoli industriali, ma a questo punto converrebbe non essere completamente a digiuno delle categorie merceologiche dei particolari, ovvero ciò che concerne la composizione strutturale del veicolo. In questa guida diamo qualche indicazione su ciò che è possibile trovare in aftermarket e mercato alternativo.

  •  lamierati sono i componenti  come il cofano, le porte, i parafanghi, le fiancate e tutte le parti che costituiscono il telaio del veicolo che vengono realizzati in metallo. L’aftermarket non produce le fiancate laterali, la parte posteriore della cabina, il vano della porta e del parabrezza.
  • paraurti, griglie, mascherine, modanature, listelli decorativi, fregi, pannelli di protezione e carter sono invece in plastica e trovandosi in posizioni del veicolo più colpite da incidenti o tamponamenti e di conseguenza sostituiti più di frequente, l’aftermarket si è adoperato per offrirne la gamma completa.
  • i componenti dell’illuminazione, facilmente suscettibili alla rottura o al malfunzionamento e allo stesso tempo elementi di fondamentale importanza per la sicurezza dei veicoli, data l’alta frequenza di sostituzione, sono tutte disponibili di concorrenza.
  • per le parti in vetro le case costruttrici dei veicoli si riforniscono da aziende specializzate nella fabbricazione del vetro, è quindi possibile acquistare i vetri direttamente dal medesimo fornitore della casa madre del veicolo.
  • le serrature, gli alzacristalli e gli interruttori come i pulsanti alzacristalli ed i meccanismi ad apertura come le maniglie interne ed esterne sono quasi tutti disponibili in aftermarket;
  • per gli interni, infine, ci si può rivolgere quasi esclusivamente alla ricambistica originale in quanto trattandosi di elementi che costituiscono gli interni sono nella maggior parte dei casi preservati dagli  incidenti e hanno una sostituzione poco frequente.