REFRION sempre più competitiva grazie alla camera climatica di proprietà

I realistici test di rendimento sulle unità permettono di chiudere nuove importanti commesse in tutta Europa

REFRION, giovane e dinamica azienda italiana specializzata nella produzione di apparecchi ventilati ad uso industriale, continua il suo percorso di crescita, forte dell’importante investimento fatto nel 2016 e che ha interessato la realizzazione della più grande camera climatica d’Europa per i test sui dry coolers. Ne è testimonianza la recente commessa chiusa dall’azienda, che installerà le sue unità Supejumbo sui tetti della nuovissima centrale a biomassa di Benkovac, in Croazia. Si tratta di un totale di 13 dry cooler della gamma più performante, in grado di dissipare 14 MW di potenza per raffreddare con la massima efficienza l’acqua del circuito di raffreddamento delle turbine. Tutti i macchinari sono dotati di ventilatori assiali e di speciali filtri che proteggono il pacco alettatodell’apparecchio.


REFRION sempre più competitiva grazie alla camera climatica di proprietà
REFRION sempre più competitiva grazie alla camera climatica di proprietà

La realizzazione della camera climatica è stato un investimento strategico che, solo nel 2017, ha già permesso di chiudere altre 2 importanti commesse: la prima, del valore di centinaia di migliaia di euro, riguarda l’installazione di raffreddatori adiabatici presso la sede di un famoso brand svizzero di orologi, l’altra, invece, fa di REFRION il terzo partner di un importante player nel settore energia per ciò che concerne la fornitura di dry cooler.

Daniele Stolfo, AD di REFRION, afferma: “Siamo molto soddisfatti di queste commesse, progetti importanti non solo per il loro valore economico ma soprattutto perché ci confermano che poter garantire ai nostri clienti test precisi sulle unità che forniamo è la chiave vincente per ottenere fiducia e referenze.”

Relativamente alla commessa di Benkovac, all’interno della camera climatica è stato possibile ricreare le esatte condizioni operative definite dal cliente ed effettuare test di rendimento sull’efficienza energetica e l’inquinamento sonoro delle unità REFRION. Un’opportunità che Refrion è in grado di offrire come pochi altri player nel settore di riferimento e che disegna un ulteriore passo avanti rispetto alla certificazione Eurovent, già garantita sulle prestazioni di tutta la gamma REFRION.

La camera climatica rappresenta un vero fiore all’occhiello nell’attività di REFRION e conferma l’impegno che da sempre l’azienda investe in innovazione e sviluppo tecnologico. Un ambito, quello della R&D, che dal 2014 vede REFRION collaborare a stretto contatto con Advantech-Time, spin-off dell’università di Udine nel settore dell’ingegneria e della progettazione virtuale per l’industria. La partnership vede i due team confrontarsi costantemente, in particolare per definire le campagne di prova per i test da svolgere, non solo all’interno della camera climatica ma anche per lo sviluppo di nuovi prodotti. Gli ingegneri di Advantech-Time sono al fianco dell’azienda anche durante le fasi di testing, integrando, se necessario, strumentazioni in loro possesso per un’analisi dati sempre precisa e puntale.

Ed è proprio grazie a questo grande lavoro di ricerca che l’azienda continua a mantenere alto il livello di competitività globale, riuscendo a sviluppare soluzioni sempre più avanzate, in grado di anticipare le esigenze dei clienti e di rispondere a tutti i requisiti richiesti in termini di efficienza, qualità e rispetto dell’ambiente.