Raffaele Esposito, manager esperto nel settore dei servizi all’ambiente


Manager esperto nel settore amministrativo e contabile, Raffaele Esposito ha maturato un’ampia esperienza nel settore ambientale, avendo lavorato per aziende del settore come Epm Servizi.

Raffaele Esposito, SBU di Epm Servizi

Raffaele Esposito ha operato in qualità di Responsabile Amministrativo all’interno di Epm Servizi, azienda di famiglia guidata dal padre Luigi Esposito, attiva nel settore ambientale. Il core business di Epm Servizi è costituito dalle attività di pulizia di grandi complessi pubblici e privati, tra i quali ospedali, case di riposo, scuole, uffici e aree industriali. L’azienda fornisce un servizio di sterilizzazione di sale operatorie e ambienti nei quali si effettuano prestazioni specialistiche. In ambito di Strategy Business Unit sta sviluppando due SBU: Energy e Servizi.
Il Responsabile Amministrativo ha il compito di occuparsi della contabilità e di garantire l’efficienza dell’ufficio amministrativo; si occupa inoltre di redigere e presentare il documento ufficiale che descrive l’andamento economico dell’azienda. Si tratta di una figura che implica il possesso di doti di precisione, auto – organizzazione e flessibilità. Le competenze richieste hanno a che fare con la responsabilità amministrativa, normativa e contabile e con la capacità di interfacciarsi con i software di gestione della contabilità.




Raffaele Esposito – Procedure d’appalto

Tra le mansioni richieste dal ruolo ricoperto da Raffaele Esposito c’è quella di Responsabile ufficio gare. Questa figura si occupa di capitolato speciale d’appalto; si tratta di un documento di carattere tecnico – amministrativo stipulato tra committente e appaltatore, che contiene le norme che assicurano che i lavori oggetto del contratto siano eseguiti nei tempi stabiliti e correttamente. Al suo interno si illustrano tre fattori, l’oggetto dei lavori, le caratteristiche tecniche e quelle amministrative. In ambito appalti, Raffaele Esposito si occupa inoltre di bando di gara e lettera d’invito. La lettera d’invito è regolata dall’articolo 334, comma 1, del Regolamento (D.P.R. n.207/2010) e contiene precise indicazioni: oggetto e caratteristiche della fornitura, garanzie poste a base dell’offerta, criterio di aggiudicazione prescelto, termine di presentazione dell’offerta, termine di esecuzione della prestazione della fornitura, importo massimo, IVA esclusa, della spesa prevista, indicazione dei termini di pagamento e attesta il possesso degli adeguati requisiti richiesti all’operatore economico. Si occupa inoltre del progetto tecnico e dell’offerta economica per le procedure aperte ristrette e negoziate, due tipi di procedure di affidamento richieste da parte di una stazione appaltante. Per quanto concerne le prime, possono partecipare al relativo bando tutti gli operatori economici che sono in possesso delle caratteristiche richieste. Le procedure negoziate si differenziano per il fatto che possono presentare un’offerta solo gli operatori invitati dalla stazione appaltante.

Visitando il profilo H2Biz di Raffaele Esposito è possibile avere maggiori informazioni sui ruoli ricoperti dal manager.