Pulsossimetro da dito, una guida all’acquisto


Per tenere sotto controllo la percentuale di saturazione di ossigeno nel sangue ci sono specifici apparecchi molto pratici da usare e adatti a tutti. Piccoli e maneggevoli si possono portare anche in viaggio e non richiedono competenze prettamente sanitarie.

Il pulsoossimetro da dito è uno strumento adatto sia agli adulti che ai bambini ed è semplice da usare; basta applicarlo, con delicatezza, sul dito della persona e attendere qualche secondo per visualizzare la misurazione. Si parla di saturazione normale quando la percentuale attestata è tra il 95 e 99%, di ipossia moderata se è tra il 91 e 95% mentre è grave se al di sotto dell’85%. Questi strumenti vengono usati sia in ambito sanitario che domestico e sia per persone con patologie legate all’apparato respiratorio che in altri casi come per esempio per valutare la qualità del sonno o per chi si trova ad alta quota in montagna.





I saturimetri sono strumenti affidabili e precisi ma vanno utilizzati con alcuni accorgimenti primo fra tutti bisogna prestare attenzione ad eliminare eventuali smalti o agenti chimici dalle unghie.

Il display di questi apparecchi è in genere molto ben visibile in modo da fornire dati chiari anche per gli anziani. Presentano diversi livelli di luminosità e consentono di trasmettere dati sul pc o sul cellulare attraverso più memorizzazioni.

Si alimentano con semplici batterie (anche ricaricabili) o con alimentatore. Lo spegnimento automatico permette di non consumare velocemente la ricarica. Dopo aver verificato la garanzia del prodotto ed eventuali certificazioni che ne attestano la sicurezza potete anche informarvi sulla presenza o meno di eventuali accessori come custodie, astucci, marsupi o cordoncini.