Il progetto europeo RELOS3 facilita un dibattito sull’eliminazione degli ostacoli esistenti tra le politiche di ricerca e sviluppo e gli ecosistemi di innovazione a guida pubblica

Dal 27 febbraio al 1° marzo a Poznań (Polonia) si è tenuto il 4° evento tematico del progetto Interreg Europe RELOS3 sulle smart specialization. L’evento è stato ospitato dalla regione di Wielkopolska, uno dei partner del progetto. Hanno partecipato circa 25 partecipanti provenienti da 7 paesi, fra i rappresentanti dei partner del progetto e gli stakeholders. L’evento era incentrato su come rimuovere le barriere tra politiche pubbliche e gli ecosistemi innovativi nel quadro dello sviluppo di strategie S3 a livello locale.

RELOS3 è un progetto quinquennale (2017-2021) del programma Interreg Europe che propone un approccio innovativo di implementazione di strategie di specializzazione intelligente con una prospettiva locale / regionale. Il suo consorzio è composto da istituzioni di Sabadell (Spagna – partner principale), Bologna (Italia), Wielkopolska (Polonia), Emmen (Paesi Bassi), Tartu (Estonia) e Malta.

L’evento è cominciato con le visite alla Solaris Bus & Coach Factory e al Future LAB del Poznan Supercomputing and Networking Center. Entrambe le visite hanno evidenziato la necessità di specializzazione. Per Solaris, è stato importante concentrarsi sulla produzione di bus on-demand che rispondessero alle esigenze dei loro clienti e alla loro scommessa di innovare nel campo della produzione di ecobus. Nel Future Lab vengono realizzati importanti progetti di applicazione dell’ ICT ai bisogni sociali identificati per gruppi come anziani o disabili, nonché test di iniziative pedagogiche innovative per i bambini.

Il giorno seguente è stata presentata l’esperienza del Forum Virio di Helsinki sull’innovazione con una prospettiva locale, da cui è emerso il ruolo svolto dai cittadini. Un approccio olistico alle strategie di innovazione è stato trovato anche nella presentazione fatta dalla dott.ssa Monika Matusiak dello European Joint Research Centre di Siviglia.

L’importanza delle strategie S3 e la loro rilevanza nel facilitare la competitività e l’innovazione a livello locale è stata anche una delle principali assi dell’intervento del prof. Nicola Bellini della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. L’istituto sta svolgendo alcune ricerche specialistiche per conto del progetto.

Oltre ai corsi di perfezionamento e alla presentazione di buone pratiche, è stato svolto un workshop in cui i partner del progetto hanno presentato una prima bozza di piano d’azione, il documento principe fra i risultati del progetto. Questo piano ha lo scopo di tracciare il percorso per ciascun partner per implementare azioni specifiche con l’obiettivo di rendere effettiva la specializzazione intelligente nei rispettivi territori ispirati da ciò che è stato appreso durante il progetto.