Perché Scegliere l’Antifurto Nebbiogeno?


Spesso la videosorveglianza è uno strumento molto utile per la sicurezza di abitazioni private, aziende, capannoni, piccoli punti vendita o banche, ma in molti casi si rivela uno strumento insufficiente. Nonostante esista una grande varietà di tecnologie, anche molto avanzate, per riprendere gli autori di un crimine, non sempre queste sono in grado di identificare chiaramente i tratti caratteristici di una persona. Inoltre le telecamere di sorveglianza non svolgono il ruolo di deterrente per i ladri che spesso agiscono indisturbati rischiando persino di non essere riconosciuti.

Per questo motivo un buon sistema di videosorveglianza va integrato con un efficiente antifurto, in grado sia di spaventare i criminali ma allo stesso tempo avvertire le forze dell’ordine per un pronto intervento. Esistono molte tipologie di antifurto che si differenziano principalmente per il sistema con cui percepiscono l’eventuale intrusione e per il modo in cui la segnalano o cercano di impedirla.

Un sistema che sta riscontrando molto successo per la sua efficacia e semplicità è il nebbiogeno.

 

Le diverse tipologie di antifurto

Gli antifurti si differenziano tra quelli cablati, ovvero collegati da fili, e quelli con trasmissione wireless per i quali è fondamentale predisporre dei sistemi che evitino le manomissioni della trasmissione del segnale che potrebbero rendere il sistema inefficace. Inoltre gli antifurti possono essere caratterizzati da diverse tipologie di sensore di presenza. Tra le più diffuse troviamo i sensori PIR, a infrarossi, e MW, a onde elettromagnetiche, che combinati danno vita ai sistemi a doppia tecnologia PIR-MW.

Gli infrarossi sono in grado di captare le differenti masse di calore presenti in una stanza e le relative variazioni e spostamenti dei corpi mentre i sensori a microonde, basandosi sull’effetto Doppler, riescono a percepire variazioni volumetriche. Il vantaggio della doppia tecnologia è che limita gli svantaggi dei due sistemi presi singolarmente e che fa scattare l’antifurto solo se entrambi i sistemi vengono attivati, limitando cosi i falsi allarmi.

Il classico antifurto, una volta percepita la presenza estranea nella stanza, fa scattare un allarme sonoro al alta intensità con lo scopo di mettere in fuga i ladri e avvertire le forze dell’ordine e le persone vicine. Tuttavia capita spesso che i ladri non si intimoriscano di fronte a questo tipo di allarme e compiano lo stesso il furto riuscendo a scappare prima dell’arrivo della polizia.

 

Un Innovativo Antifurto Deterrente: Il Nebbiogeno

Un furto dura in media poco più di tre minuti mentre il tempo necessario all’intervento delle autorità è notevolmente superiore. Per questo motivo nel caso di ladri professionisti,  i tradizionali sistemi di allarme non sono sufficientemente efficaci e non riescono a prevenire il furto. Proprio per sopperire a questo problema è stata ideata una nuova tecnologia, ovvero il nebbiogeno. Come i tradizionali sistemi di sicurezza, il nebbiogeno capta la presenza ostile tramite dei sensori ma, una volta attivatosi, invece che produrre un segnale sonoro o in aggiunta ad esso, rilascia una impenetrabile nebbia ad alta velocità che è in grado di occupare l’intero volume del locale. In pochi secondi i ladri si ritrovano circondati da un fumo bianco che impedisce di vedere, oscurando completamente vie di fuga e bottino. Questo sistema è molto utile anche per la cattura dei ladri in quanto in molti casi non saranno in grado nemmeno di uscire dal luogo della rapina.