Perché esistono i condizionatori dual split


Stare al passo con le tecnologie di oggi è sempre difficile. Non accade solo con gli smartphone o i tablet, bensì anche con degli elementi ormai diventati di uso molto comune, ossia i condizionatori. Sembra ieri che il primo condizionatore a parete veniva messo sul mercato per contrastare la calura estiva, ora ci sono delle categorie apposite di climatizzatori che se non si sta attenti, so possono scambiare facilmente con altro. Diciamo che una cosa hanno mantenuto, ovvero l’utilizzo degli split. Esistono dei modelli in cui l’unità esterna è stata resa invisibile, però ancora nessuno ha avuto l’idea geniale per fare in modo che si sostituissero le cosiddette lame d’aria, indispensabili per il fruire dell’aria calda o fredda.  La questione si fa interessante quando, convinti di andare ad acquistare un climatizzatore, il commesso fa la fatidica domanda: mono split, dual split o multi split?

 

Differenze generali tra condizionatori dual split e mono split

Le differenze generali tra i vari sistemi di climatizzazione è già intuibile. I condizionatori mono split, praticamente, hanno una unità interna mono split. Questo significa che la cosiddetta lama d’aria deve essere collegata a una sola unità esterna e viene predisposta unicamente per lo scopo. E’ abbastanza facile, dopo questa spiegazione, capire il funzionamento dei sistemi di climatizzazione dual split. Ad ogni unità esterna, sono collegati due unità interne. Ogni unità può raffreddare, riscaldare  e deumidificare l’ambiente e può essere azionata, spenta e regolata tramite lo stesso telecomando. Può funzionare solo un’unità singola, oppure azionarle entrambe,però sono due entità  che funzionano in modo autonomo. Perché preferire un clima dual split piuttosto che un’unità mono? Capita soprattutto nei grandi uffici che l’ambiente è talmente ampio che una sola unità interna non basti per climatizzarlo a dovere. Oppure, se si abita in una casa a più piani, la soluzione migliore è comprare un climatizzatore dual split. Una sola unità esterna per due unità interne, un bel risparmio. Discorso a parte per i multi split, ovvero dei clima a cui si possono collegare fino a 9 unità interne, utilizzati in locali molto grandi e non in ambienti domestici.