Per regolamentare la tassazione sulle sigarette elettroniche verrà eseguito un sondaggio


svapandoweblogo

E’ stato eseguito un sondaggio per poter individuare cosa pensano gli europei delle sigarette elettroniche, del tabacco e dei riscaldatori. La Direzione generale sulla fiscalità utilizzerà i risultati del sondaggio per riconsiderare la Direttiva europea 64 del 2011, che stabilisce l’imposizione fiscale dei prodotti del tabacco. Il sondaggio si può compilare in quindici minuti circa e durerà fino al 16 febbraio 2017, ma è fondamentale sin dall’inizio raccogliere una serie di opinioni a sostegno della sigaretta elettronica.

Le domande sono molto precise e particolareggiate e concernono anche il raffronto tra diversi apparecchi per l’erogazione della nicotina. L’Unione Europea ha intenzione di tassare uniformemente le sigarette elettroniche e in particolare i liquidi contenenti nicotina. Difatti, fin dalle prime domande si capisce che la tassazione riguarderà la nicotina presente nei flaconi.

I liquidi che non contengono nicotina e gli aromi non saranno assoggettati alle nuove regole, come è successo per la Tpd entrata in vigore quest’anno. A febbraio è stata l’Ecofin, a cercare una soluzione per la legge sulle accise delle sigarette elettroniche, capace di raggiungere un equilibrio soddisfacente fra le entrate del governo, le spese fiscali e lo scopo di salvaguardare la salute pubblica.

Infine, il Consiglio aveva richiesto una nuova categoria per la tassazione delle e-cig, per poter riconsiderare le norme emanate nella legge del 2011, che tassavano i prodotti del tabacco e eliminare eventuali dubbi. La Commissione, dopo aver valutato i consigli del Consiglio, si muoverà in questa direzione e prevede di emanare entro il 2017 la nuova revisione. L’Italia da anni vuole tassare la nicotina presente nel liquido di ricarica in maniera non eccessiva, mentre la Francia, la Finlandia e l’ Austria desiderano tassare la nicotina contenuta nei liquidi di ricarica allo stesso modo dei prodotti del tabacco, emanando una legge sicuramente ingiusta.