Paura degli interventi estetici invasivi? Prova la micro-liposuzione


Molte persone desiderano sottoporsi ad un intervento di chirurgia estetica ma hanno timore dell’intervento e soprattutto del post-operatorio, che viene descritto come lungo e doloroso. In realtà, le moderne soluzioni attuate in chirurgia estetica si stanno muovendo verso un approccio mini-invasivo che prevede sempre meno la chirurgia a cielo aperto. Ad esempio, al posto della classica liposuzione che consiste nell’aspirazione del grasso con una cannula di notevole diametro, si può optare per la micro-liposuzione. Questa tecnica consente di eliminare piccoli accumuli di grasso sui fianchi e sulle cosce (culotte de Cheval), la classica pancetta, il doppio mento e tutti quei depositi localizzati di adipe che rendono la figura poco armoniosa e vengono visti come molto antiestetici.

La micro-liposuzione o liposcultura viene utilizzata per modellare corpi senza particolari problematiche e che necessitano di piccoli ritocchi per eliminare imperfezioni che turbano l’armonia delle forme. Per la micro-liposuzione il chirurgo estetico utilizza cannule di piccolo diametro, al massimo di 5 mm rispetto ai 15-20 mm delle cannule per la liposuzione tradizionale; il potere aspirante è molto minore e ciò limita il traumatismo per i tessuti e il rischio di formare pericolosi trombi che potrebbero entrare nel circolo ematico. Dopo aver inserito le cannule nelle piccole incisioni (2 mm) praticate nella zona da trattare, il chirurgo procede ad aspirare il grasso con movimenti dolci e delicati a partire dal grasso più interno, per non rischiare di lacerare la cute o di creare vuoti visibili sotto la pelle. Attraverso i movimenti della micro-cannula il chirurgo estetico rimuove e frantuma il tessuto adiposo che viene aspirato dalla cannula stessa all’interno di un contenitore apposito, per misurare i cc di grasso rimosso.

Quali risultati si possono ottenere con una micro-liposuzione? Generalmente il chirurgo estetico consiglia la micro-liposuzione ai pazienti che non hanno necessità di perdere molto peso corporeo che però presentano adipe localizzato, ad esempio maniglie dell’amore, i cuscinetti all’interno delle cosce o una pancetta che nonostante la dieta e la palestra non vuole andarsene; anche molti sportivi si rivolgono al chirurgo estetico per il grasso difficile che resiste anche agli allenamenti più specifici. Per questi pazienti la micro-liposuzione è la soluzione migliore perché non presentano un accumulo adiposo diffuso ma solo piccole aree di inestetismi circoscritti e quindi trattabili con un approccio locale. I risultati della micro-liposuzione sono definitivi a meno che non si aumenti di peso. Dal punto di vista psicologico, fisico ed anche economico, la micro-liposuzione è decisamente più sostenibile dal paziente.

Il post-operatorio non è gravoso come nel caso della classica liposuzione: l’intervento di liposcultura si effettua in regime ambulatoriale di day hospital e non c’è necessità di degenza. La quantità di grasso aspirato non supera mai gli 800 cc e ciò comporta un minore stress per l’organismo. L’anestesia che si effettua è locale e viene detta WET (tumescente); circa mezz’ora prima dell’intervento viene praticata l’anestesia nella sede operatoria, insieme ad un grande volume di soluzione fisiologica (pari al volume del grasso che si vuole rimuovere) che serve a diluire il tessuto adiposo (che può essere molto coeso) e facilitare la sua aspirazione. Dopo l’intervento non rimane alcuna cicatrice visibile.