Paradisi della finanza per mettere al sicuro i propri beni


Cosa sono i paradisi della finanza
I paradisi della finanza, meglio noti come paradisi fiscali, sono vari paesi sparsi in tutto il mondo nei quali il livello di tassazione risulta minimo o addirittura nullo. In alternativa, può essere definito come paradiso fiscale anche uno stato che tende ad applicare piuttosto rigidamente il segreto finanziario cioè a non rivelare le possibili transazioni economiche che vengono effettuate sfruttando i capitali depositati nel paese stesso. Sulla base della tipologia di leggi applicate per le tassazioni, i paradisi fiscali vengono suddivisi in diverse categorie come: i paradisi fiscali puri (in cui la tassazione è nulla e il segreto bancario assicurato), i paesi a bassa tassazione, gli stati che tassano solamente i capitali guadagnati all’interno del paese stesso e i paesi a tassazione speciale in cui le imposte sono più o meno uguali a quelle di tutti gli stati del mondo, ma risultano comunque particolarmente flessibili.
Quali sono i paradisi fiscali in cui mettere al sicuro i propri beni
I paradisi fiscali sono una serie di paesi sparsi in tutto il mondo. Sebbene ne vengano spesso citati solamente alcuni, la lista è molto lunga e comprende stati di piccola e media grandezza. Sicuramente i più noti sono: la Svizzera, Singapore, le Seyshelles, Monaco, le Maldive e Hong Kong. Allungando ancora la lista, tuttavia, possiamo trovare stati quali: il Lussemburgo, le Isole Cayman, le Bermuda, Macao, le Isole Vergini, Taiwan e Samoa. Il tipo di tassazione applicata può variare di stato in stato a seconda delle normative vigenti.
Il dilemma giuridico sui paradisi fiscali
La legalità dei paradisi fiscali è un processo non ancora ben definito. Molti degli stati più importanti del mondo stanno cercando da tempo di trovare una soluzione per cercare di bloccare questi regimi speciali di tassazione. Al momento, le indagini compiute su conti depositati in questi paesi sono state relative solamente ad aziende o privati che avessero compiuto dei reati nei paesi di appartenenza. Sicuramente, la fine di questi stati a tassazione speciale assesterebbe un duro colpo alla criminalità organizzata. Molte società criminali, infatti, scelgono di depositare i loro capitali proprio presso vari paradisi fiscali nel mondo non dovendo dare spiegazione della provenienza dei loro introiti. Tuttavia, spesso anche molte multinazionali scelgono questi paesi per depositare i loro capitali e molti stati nel mondo stanno cercando di porre fine a questa abitudine per cercare di limitare il livello di disparità economica tra i paesi più ricchi e quelli più poveri nel mondo. Le aziende che depongono i loro beni in queste zone, infatti, non contribuiscono al buon funzionamento del mercato.