Da offline ad online: come cambia il mondo delle traduzioni

Non è un mistero che nei momenti di crisi o senza voler essere negativi, quando si desidera dare una ventata di aria fresca al proprio business, si debba investire in pubblicità. Nel 2018 ciò significa principalmente guardare alle possibilità offerte dal webmarketing e da un’accurata presenza online.

E’ il caso di Giuliana Bonifacio che dopo oltre vent’anni nel panorama delle traduzioni ad Udine di stampo tradizionale, ha deciso di diventare una traduttrice professionale 2.0 grazie a SEO, content management e costruzione della web reputation.


Da offline ad online: come cambia il mondo delle traduzioni
Da offline ad online: come cambia il mondo delle traduzioni

Il posizionamento sui motori di ricerca è diventato un passo fondamentale per qualsiasi professionista voglia operare online. Un sito per quanto ben organizzato, se non è raggiungibile attraverso le pagine di risultati di Google (SERP), è di fatto una cattedrale nel deserto, oltre che inutile. Un sito facile da rintracciare attira i visitatori e grazie agli opportuni meccanismi di conversione li trasforma in contatti, leads e ci si augura in clienti acquisiti. Un cliente soddisfatto e fidelizzato, non di rado poi, attiverà un ciclo virtuoso attraverso l’ancora utilissimo, passaparola. Per ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca è fondamentale che tutto il sito web considerato sia SEO-Friendly, sia per quanto riguarda l’infrastruttura sia per quanto riguarda l’impostazione dei contenuti testuali.

I contenuti testuali vanno curati sia in fase di pubblicazione del sito, sia durante il suo normale processo di crescita. Per questo motivo risulta molto utile predisporre un blog aziendale aggiornato secondo un piano editoriale funzionale sia a catturare l’attenzione dei potenziali clienti con contenuti altamente informativi, sia a guadagnare rilevanza rispetto all’argomento traduzioni (in questo caso) agli occhi di Google. Un cliente che ha trovato nei nostri contenuti, la risposta che cercava sarà più propenso a contattarci, a richiederci un preventivo o una consulenza. Insomma uno dei principi alla base della “lead generation”.

Costruire una web reputation online, quando quella offline è già così buona non è un problema, basta solo utilizzare i canali giusti. Trattandosi di un’attività con una sede fisica e ricercabile a livello locale, l’opzione migliore è raccogliere le recensioni dei clienti attraverso la propria scheda di Google Mybusiness. Raccogliere i feed back dei clienti attraverso questo canale ha due vantaggi: la costruzione della propria reputazione online ed il miglioramento del proprio posizionamento su Google a livello di local SEO. Teniamo conto infatti che molti clienti in questo senso vogliono un contatto diretto con il traduttore attraverso una visita personale o una chiamata diretta.