Martedì 8 dicembre inizia il Natale Bercetese (PR)


Berceto (PR) – L’8 dicembre prende ufficialmente il via il Natale Bercetese, con una serie di iniziative rese quest’anno più ricche di significato grazie all’avvento dell’Anno Giubilare.

«Un’intera giornata dedicata alle famiglie con bambini – sottolinea il sindaco di Berceto (PR) Luigi Lucchi – pensata non solo per gli abitanti del paese, ma per tutti coloro che vogliono venire sull’Appennino, per trascorrere diversamente il giorno dell’Immacolata».

Lucchi sindaco anticonformista e poliedrico, più volte alla ribalta dei media nazionali per le sue pungenti provocazioni, come quella di mettersi in mutande di fronte al Parlamento, di recarsi in Regione Emilia Romagna con oche e pecore al seguito e di dare in gestione il laghetto locale ad un gruppo di nudisti, s’impegna con abnegazione per mantenere vivo il suo paese e creare opportunità e nuove attrattive affinchè non muoia.

La perla dell’Appennino, come viene chiamata Berceto, a partire da martedì prossimo sarà addobbata a festa grazie ad alcune classi del liceo artistico Toschi di Parma. Un presepe in legno, composto da sagome alte oltre un metro e pannelli scenografici, si snoderà lungo la via Francigena, dal Castello a piazza Barbuti, e in piazza San Moderanno nei pressi dell’albero di Natale, un pino proveniente dalla località Castello di Lozzola ornato con gli addobbi creati da bambini, giovani e adulti di Berceto Comunità Ospitale, che verrà acceso alle 17.00 alla presenza del primo cittadino. Le sessanta sagome e i pannelli, dipinti con tecniche miste olio e acrilico e raffiguranti i personaggi e gli animali del presepe, sono opera degli alunni delle classi 4C, 5A e 5B del corso di arti figurative, coordinati dall’insegnante di discipline pittoriche e laboratorio di pittura Maria Manghi. La 4C e la 5B dello stesso corso di studi, coadiuvati dall’insegnante di discipline plastiche Sonia Menichelli, hanno realizzato anche due gruppi scultorei, con materiale di recupero: uno raffigurante la Natività, posizionata per richiamare la grotta di Betlemme, in una cantina con la volta a botte, privata ma aperta al pubblico, un tempo laboratorio artigiano; l’altro i re Magi, collocati nei pressi della fontana di piazza Micheli. Infine, gli studenti della 3A del corso di scenografia, tra cui due studenti diversamente abili particolarmente dotati, hanno realizzato con l’aiuto di Danilo Cassano, insegnante di discipline plastiche e scenografia, un pellegrino di legno alto quattro metri che sarà visibile esternamente all’abside del Duomo. Nelle vicinanze, in piazza San Giovanni, è allestita invece la natività in legno dell’artista e rinomato liutaio bercetese Claudio Marchetti. Nel giorno dell’Immacolata, la Messa solenne, celebrata in Duomo alle 11.00 da don Giuseppe Bertozzi, sarà allietata dal coro di voci bianche, dirette dalla maestra Patrizia Pinardi e alle 16.00 lo stesso prevosto celebrerà una Santa Messa al Santuario della Madonna delle Grazie.

Gli esercizi commerciali saranno aperti tutto il giorno per offrire, anche a chi viene da fuori, la possibilità di fermarsi, mangiare un buon piatto locale o semplicemente fare uno spuntino. Dalle 10.30 del mattino, per la gioia dei più piccini in piazza San Moderanno, sarà allestito il Villaggio di Babbo Natale, in cui potranno scrivere le letterine a Santa Claus e partecipare ad altre attività a loro dedicate. Potranno fare merenda con crepes alla nutella, pop corn, zucchero filato e bollenti caldarroste, e non mancherà un buon vin brulè per scaldare anche i grandi. Le iniziative del giorno dell’Immacolata sono organizzate e promosse dal Comune di Berceto, dalla Pro Loco del paese e dalla soc. coop. Gommaland.

“Berceto ha bisogno di tante giornate piene di iniziative compartecipate come questa, per restare vivo tutto l’anno e per far conoscere le tradizioni e le bellezze del suo territorio. Mi auguro – dichiara il sindaco Lucchi– che la partecipazione sia sentita e numerosa”.

Pagina del Comune di Berceto su Facebook