La solitudine della manifattura Italiana – ESG89: “La mancanza di Sharing e Innovazione contro la crescita e la competitività delle PMI”


ESG89 Group —> home.esg89group.it

L’era dell’Industria 4.0 è alle porte, e il nucleo centrale di questo nuovo concetto vede nello sharing, nella fluiditàe nella condivisione i binari in cui si muove l’industria del futuro. Tali tematiche, già affrontate nell’evento #Protagonisti promosso da ESG89 Group presso Autocentri Giustozzi di Perugia nel settembre scorso, stanno velocemente assumendo una risonanza nazionale e internazionale, pur con evidenti difficoltà nella messa in pratica da parte delle imprese.

Le richieste e i bisogni di un mercato del lavoro in continua evoluzione, sia dal lato della domanda che da quello dell’offerta, si scontrano ancora una volta con politiche e provvedimenti spesso insufficienti, troppo spesso inadeguati e ignari della realtà a cui sono destinati. Un esempio tra tutti è lo scollamento sempre più ampio ed evidente tra istruzione e formazione, a vari livelli, e mercato del lavoro, con un gap tra offerta formativa e richieste del mercato sempre più difficile da colmare.

Le politiche di sviluppo indicate dalla Commissione Europea hanno come obiettivo un’evoluzione industriale che, nell’ottica del programma Horizon 2020, dovrebbe essere incentrata su una crescita della digitalizzazione dei servizi per un rilancio del settore manifatturiero. Ma alle direttive presentate da Bruxelles – affermano dal Centro Studi Economico E Finanziario ESG89 – non corrispondono riforme e incentivi allo sviluppo da parte del governo italiano, e di conseguenza il termine Industria 4.0 è ben lontano dal poter essere applicato appieno al contesto italiano. Mancano programmi di ricerca in grado di interconnettere il tessuto delle PMI nell’ottica dell’esplorazione di nuove vie di sviluppo e nuovi obiettivi comuni da raggiungere; manca la capacità di applicare il concetto di risk sharing e di creare una sana competitività tra le aziende per lo sviluppo comune; manca una partnership virtuosa tra pubblico e privato che dia respiro ad investimenti e innovazione”.

Nel tessuto imprenditoriale delle PMI italiane, solo l’aggregazione di energie innovative può restituire alla manifattura nazionale quella competitività fondamentale per avere una posizione di rilievo nei mercati esteri e costruire una base solida per obiettivi a lungo termine. Ma per il momento, sharing, condivisione e innovazione rimangono solo concetti sulla carta.

ConoscereComunicareCrescere#Esg89Group