Le varianti di preparazione dell’arista


Fra le più classiche ricette possiamo indicare: l’arista al latte, alle prugne, in porchetta o con le mele. Il termine identifica la schiena del maiale (cucinata arrosto). L’arista è un piatto molto comune nella cucina toscana, cotta allo spiedo o in forno e aromatizzata con aglio, pepe e rosmarino, accompagnata da un buon calice di vino rosso o un boccale di birra artigianale, acquistabile anche online nei migliori siti di aziende agricole.

Ricetta Arista gratinata con verdure

Per questa ricetta occorre come prima cosa infarinare l’arista e rosolarla in padella con cipolla, sedano, burro e l’olio, oltre a sale e pepe. La particolarità di questa preparazione è il fatto che l’arista va alternata con fette di mortadella. Parallelamente occorre bollire il latte e fonderlo con la farina e il burro (al termine di questo procedimento dovreste addensare sul fuoco). Infine cospargete la carne con la crema così ottenuta e gratinare in forno per 8 minuti a 190 gradi.

Ingredienti e dosi per 2 persone

  • 150 g di arista di maiale
  • 1 fetta di mortadella trentina
  • 10 g di burro
  • 50 g di farina
  • 30 cl di latte
  • 1 tuorli d’uovo
  • 25 g di panna

Arista di maiale alle spezie

Schiacciare 1 cucchiaio di senape in grani, 1/2 testa di aglio e 5 fette di zenzero. Al termine di questo procedimento mescolare il tutto con 1 cucchiaio di vino bianco e 1 cucchiaino di miele (oltre ad un cucchiaio d’olio d’oliva). Cospargere questa crema su tutte le facce di un’arista di maiale.

A quel punto inserire 2 cucchiai di olio su una teglia assieme all’arrosto (da far cuocere a 220 gradi circa 75 minuti). Al termine della cottura avvolgere l’arista in un foglio di alluminio per 25 minuti. Non ci resta che montare la salsa da apporre sulla carne con 50 g di burro molto freddo tagliato a pezzettini.

Arista di maiale al vino rosso

Questa risulta una delle ricette più rinomate e semplici per quel che riguarda l’arista di maiale. Occorre per prima cosa cospargere l’arista con sale e pepe e poi sistemarla in un tegame in forno (200 gradi).

Nel momento in cui vi apparirà rosolata, fondere il tutto con vino, aglio e prezzemolo. È buon uso coprire la carne e lasciarla cuocere per almeno un ora. Ricordatevi di togliere il coperchio negli ultimi minuti di cottura se il sugo fosse troppo (questo per farlo restringere).