Le novità della raccolta differenziata


Da diversi anni si sente parlare dell’emergenza rifiuti e della difficoltà dei paesi di smaltirli. Sono state attuate diverse politiche che mirano al riciclo di tutto quelle sostanze che possono essere utilizzate di nuovo per realizzare nuovi prodotti e beni, la più efficace è la raccolta differenziata, che si basa sulla differenziazione dei rifiuti. Le grandi capitali europee, tra cui Roma, sono le maggiori produttrici di rifiuti, perchè sede di numerose attività produttive e industriali e abitate da un gran numero di persone. E’ fondamentale perciò attuare una politica di vita che favorisca il riciclo di tutti quei materiali che lo consentono, ad esempio vetro, carta, scarti alimentari organici ecc. La delibera del Comune di Roma n.105 emanata il 12 maggio del 2005 ha stabilito obbligatoria la raccolta differenziata, è importante sapere che per chi non rispetta il suddetto Regolamento sono previste delle sanzioni pecuniarie che possono raggiungere i 500 euro.

Gli scarti alimentari organici

Da recenti studi è emerso che circa il 30% dei rifiuti che sono prodotti ogni giorno da una famiglia è rappresentato da scarti di vegetali e alimentari, grazie alla nuova raccolta differenziata è possibile gettare questo genere di rifiuti all’interno di apposito cassonetti, che sono poi raccolti dall’Ama o dalla ditta di smaltimento rifiuti roma, trasportati presso l’impianto sito a Maccarese, lavorati e trasformati in compost, un ottimo fertilizzante naturale che può essere usato anche per l’agricoltura di tipo biologico. L’Ama sta consegnando a tutte le famiglie un kit che faciliterà la raccolta differenziata e che è composto anche da un apposita pattumiera areata, dove devono essere gettati i rifiuti organici. E’ importante sapere che un’altra importante novità riguarda il vetro, che dovrà essere raccolto in maniera separata rispetto alla plastica, e dovrà essere gettato nelle specifiche campane di vetro di colore verde che si trovano in strada.

Consigli utili

Per cercare di ridurre la produzione di rifiuti possono essere messi in pratica alcuni semplici suggerimenti, che sono illustrati nell’elenco che segue.

  • Evitare di comprare oggetti futili che rischiano di essere poi non utilizzati, gettati e quindi si trasformano in rifiuti da smaltire.
  • Cercare di dare nuova vita agli oggetti, ad esempio una bottiglia di vetro può essere trasformata in una lampada, il fondo di una bottiglia di plastica può essere usato come portapenne o porta oggetti.
  • Comprare prodotti che sono stati imballati con materiali riciclati o riciclabili. E’ possibile riconoscere questi materiali perchè sono denominati con i seguenti simboli: CA, PE, PVC, PET PS, PP, AL, ACC, FE ecc.

E’ importante sapere che i rifiuti speciali, pericolosi e ingombranti devono essere gettati all’interno di contenitori specifici o consegnati presso i centri di raccolta autorizzati.