Lavorazione lamiera: focus sui sistemi di avanzamento lamiera

La fase di avanzamento della lamiera è affidata ad un dispositivo, conosciuti col nome di alimentatore, che è collocato sullo stesso lato della pressa. Generalmente è preceduto da un raddrizzatore, che come dice il nome è un dispositivo meccanico che, attraverso dei rulli, riduce la curvatura della lamiera dopo che questa viene srotolata dalla bobina.


Lavorazione lamiera: focus sui sistemi di avanzamento lamiera
Lavorazione lamiera: focus sui sistemi di avanzamento lamiera

Esistono tre tipi di alimentatori:

  • Pneumatico
  • Meccanico
  • Elettronico

Avanzamento pneumatico

L’avanzamento pneumatico è il più diffuso, grazie al suo costo piuttosto basso ed alla sua versatilità che ne consente l’utilizzo con materie prime di diversi spessori. Gli avanzamenti pneumatici non sono precisi, il peso e la tensione del nastro possono causare delle leggere variazioni nel passo.

Questa problematica può essere in parte compensata aprendo la pinza fissa in fase di chiusura dello stampo, così da consentire ai punzoni pilota di centrare la bandella.

In lavorazioni dove la velocità di stampaggio è alta e dove la sincronizzazione tra l’alimentazione e le altre fasi è critica, l’avanzamento pneumatico può rappresentare un limite in quanto l’azionamento ad aria introduce sempre un piccolo ritardo.

 

Avanzamento meccanico

Gli avanzamenti di tipo meccanico sono invece utilizzati per produzioni ad alto volume, in cui la velocità è un fattore critico. La movimentazione del nastro avviene attraverso rulli, il cui moto deriva dall’albero della pressa tramite dei cinematismi.

Vengono generalmente forniti dal produttore insieme alla pressa e consentono di raggiungere velocità di stampaggio e precisione di passo molto elevate.

 

Avanzamento elettronico

Gli alimentatori elettronici possono essere molto costosi, ma sono decisamente i più versatili e consentono di lavorare con una grande varietà di spessori e larghezze nastro. Uno dei grandi vantaggi è la possibilità di sincronizzare alla perfezione l’avanzamento con la posizione della pressa, il che permette di ottimizzare i tempi ciclo, specialmente su stampi che includono meccanismi automatizzati per operazioni ausiliarie. Un altro vantaggio è la possibilità di regolare finemente il passo e quindi la progressione bandella in run-time, senza fermare la produzione.

Per ulteriori informazioni sui sistemi di avanzamento lamiera, vi consigliamo di rivolgervi a professionisti ed esperti del settore. Noi vi permettiamo di suggerirvi Tecnomeccanica Fidenza, azienda leader nel campo della lavorazione lamiera a Parma e provincia.