L’ammodernamento degli ascensori secondo il D.M. 23 luglio 2009


Con il passare degli anni gli standard di qualità e di sicurezza delle tecnologie vengono continuamente migliorati e perfezionati: ne sono prova ad esempio le automobili, che attualmente sono arrivate al livello Euro 6 ma la cui asticella in futuro è destinate a essere ulteriormente innalzata.

Anche per gli ascensori, periodicamente, vengono adottate migliorie sempre nuove come ad esempio avvenne qualche anno fa, nel 2009, con l’emanazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico del D.M. del 23 luglio entrato poi in vigore il 1° settembre dello stesso anno.Dettaglio di ascensore

Il D.M. aveva come fine ultimo la «adozione di interventi di adeguamento mirati ad un progressivo e graduale miglioramento del livello di sicurezza, da attuarsi in modo selettivo, in funzione delle situazioni riscontrate su ogni singolo impianto» e si rivolgeva agli ascensori installati prima dell’entrata in vigore del DPR 162/99 con l’obiettivo di incrementarne la sicurezza.

Attraverso verifiche straordinarie, i tecnici autorizzati di ASL o ispettorato del lavoro avevano la facoltà di individuare la possibile presenza di situazioni “a rischio” a cui far seguire interventi di adeguamento in base a quanto previsto dalla norma UNI EN 81-80.

Anche oggi gli impianti meno recenti devono sottostare a questa normativa, ma è possibile anche optare per l’ammodernamento degli ascensori “volontario” sulla base di esigenze di natura pratica, economica o estetica: in questo caso ci si potrà rivolgere a Farma Ascensori srl, azienda di lunga esperienza che effettua restyling mirati su impianti di ogni genere ed età.