La Philip Morris finanzia la ricerca sulle sigarette elettroniche


In questi giorni molti scienziati si pongono una serie di domande sui rischi collegati all’impiego della sigaretta elettronica, mente la multinazionale Philip Morris sta finanziando una ricerca sulle sigarette elettroniche, che verrà eseguita dalle organizzazioni antitabacco.

La Philip Morris, dalla metà del 2017 finanzierà un progetto relativo a promulgare delle ricerche sostenute da scienziati indipendenti per controllare gli esiti scientifici dei prodotti della Philip Morris per la riduzione del rischio.

La Philip Morris è intenzionata a finanziare gli scienziati esterni, per verificare i risultati raggiunti già dal loro dipartimento di ricerca. La Philip Morris ha dichiarato di aver finanziato l’Accademia di medicina preventiva del Kazakistan con più di ottocentomila euro, in relazione ad una ricerca che sarà portata a termine a Marzo del 2018.

La problematica è sempre la medesima i privati intervengono dove si disinteressano i governi. Siccome i finanziamenti relativi alla ricerca sono frequentemente gli ultimi ad essere finanziati dai singoli stati, spesso vengono accettati i finanziamenti provenienti da soggetti privati.

La Sovape, è una società francese che mette insieme l’attenzione dei consumatori e degli scienziati con lo scopo di tutelare il settore dello svapo. Essa ha reso noto in questi giorni il bilancio della sua attività annuale, che riguarda la riunione al vertice del mondo del vaping. Sono diverse le riunioni e gli incontri che hanno l’obiettivo di coinvolgere i cittadini sulla facoltà di contrarre i danni danno tramite l’impiego della sigaretta elettronica.

Le attività eseguite solamente tramite le donazioni private e il volontariato fanno capire come sia complicato pianificare e difendere un progetto. Sicuramente è encomiabile la scelta della Philip Morris, che ha deciso di sovvenzionare la ricerca sulla sigaretta elettronica e certamente qualcuno accetterà la proposta di questa multinazionale, anche se non tutti la vedono come una intenzione meritevole di considerazione.