Iper-super ammortamento: il punto della situazione a un anno dalla legge di Bilancio 2018

Un viaggio tra software e beni ammessi a beneficio

 

Con l’entrata in vigore del “Piano Calenda” su Industria 4.0 – risalente a poco più di un anno fa – le imprese hanno registrato un aumento dell’11% di investimenti, con una spesa di 80 miliardi di euro.

Continua dunque l’opportunità per le aziende di usufruire dei benefici ottenuti dall’iperammortamento del 250% e dal superammortamento del 130% per l’acquisto di beni strumentali nuovi, materiali e immateriali, da impiegare nei processi di produzione, grazie alla Legge di Bilancio 2018.


Iper-super ammortamento: il punto della situazione a un anno dalla legge di Bilancio 2018
Iper-super ammortamento: il punto della situazione a un anno dalla legge di Bilancio 2018

In termini prettamente pratici, il superammortamento consente a coloro che sono titolari di un reddito d’impresa una supervalutazione del 130% degli investimenti in beni strumentali nuovi acquistati o in leasing: in questo modo il costo di acquisizione subisce una maggiorazione pari al 30% generando un aumento della quota annua di costo fiscalmente deducibile e di un risparmio in termini di imposte.

Tra i beni ammessi a beneficio – il cui investimento viene effettuato nel periodo che va dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018 oppure fino al 30 giugno 2019 – rientrano vari sistemi, tra cui i software per la gestione e il coordinamento della produzione, le piattaforme in grado di comunicare e condividere dati e informazioni sia tra loro che con l’ambiente circostante o ancora le applicazioni per la progettazione dei sistemi produttivi che tengano conto dei materiali e delle informazioni.

L’iper e super ammortamento è stato sfruttato dalle imprese anche per l’acquisto di software per il magazzino utilizzati nel mondo della logistica, in particolare:

  • Software WMS che permettono la gestione dei flussi delle merci all’interno del magazzino
  • Software IMS e sistemi per la pianificazione e il monitoraggio della produzione, la previsione della domanda, la gestione delle scorte, il coordinamento della distribuzione e del trasporto;
  • Sistemi informatizzati di raccolta, archiviazione, analisi dei collaudi di prodotto finito e semilavorati.