In Salento un lido per disabili


In Salento è nato da poco un lido realizzato ad hoc per le persone affette da disabilità. A San Foca infatti da oggi anche per coloro che hanno malattie invalidanti e sono su una sedia a rotelle e per persone disabili sarà possibile fare il bagno in mare.

Questa idea è nata da un poliziotto che è affetto da Sla, Gaetano Fuso, un poliziotto salentino che oggi ha quarant’annie nel 2014 è stato colpito da Sla. E’ il nipote di Antonio Montinaro, che era uno degli uomini facneti parte della scorta di Giovanni Falcone e rimasto ucciso durante la strage di Capaci.

La vita di Gaetano dopo la malattia in sei mesi cambiò completamente ma non si è arreso e ha fatto in modo da costituire assieme alla moglie Giorgia Rollo e alcuni amici l’associazione 2HE, che gestisce dal 2015 la nuova struttura balneare La Terrazza al lido San Foca, Marina di Melendugno, questo anche in collaborazione con il Comune, l’Asl di Lecce,l’associazione Aisla, l’associazione Libera e anche la polizia di Stato.

Inoltre qui i poliziotti della squadra olimpica Fiamme Oro offrono sempre un servizio di volontariato come assistenti alla balneazione.

La Terrazza è stata realizzata attraverso un progetto chiamato ‘Io posso’ ed è fruibile gratuitamente dai suoi ospiti. E’ anche dotata di dispositivi medici, respiratori e aspiratori ed ha già consentito dalla sua apertura ad oggi a circa 800 disabili di frequentare la sua bella spiaggia e fare il bagno nel mare in compagnia con gli amici e i familiari.