In bed & Breakfast a Lecce per un ponte indimenticabile


Se negli anni passati è capitato spesso di “perdere” dei giorni festivi in quanto cadevano in concomitanza con il sabato o la domenica, il 2017 invece ci ha regalato un calendario molto intrigante sotto questo punto di vista!
Chi avesse giorni di ferie da poter sfruttare, infatti, potrebbe tranquillamente incastrare anche 4 o 5 giorni liberi di fila, anche in vista dell’imminente ponte del 2 giugno: la festività infatti cade di venerdì, ed è sufficiente aggiungere il giovedì o il lunedì per concedersi una piacevole gita fuori porta che non sia mordi e fuggi!
Noi vogliamo proporvi un’idea davvero stimolante e che contempli tutti i possibili temi di una vacanza: paesaggi incontaminati, arricchimento culturale, buona tavola!

Un Bed & Breakfast a Lecce come base delle operazioni!

Punta PalasciaPer godere di tutto ciò è sufficiente spingersi nel sud-est dell’Italia, nel cosiddetto “tacco” del nostro stivale noto anche come Salento. Per la sua particolare conformazione geografica, si tratta anche del primo punto che viene lambito dai raggi del sole nascente ogni mattina, perché questa lingua di terra che separa Ionio ed Adriatico è protesa proprio verso Oriente.
Soggiornare in un Bed & Breakfast a Lecce vi permetterà di apprezzare lo splendore dei mari e delle spiagge salentine, che in moltissimi casi per i colori cristallini ed argentati ricordano lidi ben più esotici e tropicali… eppure sono proprio in Italia!

Le torri costiere del Salento

Torre San GiovanniInoltre, anche sulle coste salentine è possibile scoprire la vastità della ricchezza storica e culturale di questa terra, che nei secoli passati è stata porto di interscambio tra Oriente ed Occidente ma anche zona privilegiata di approdo per le orde ottomane che cercavano di espandersi in Europa provenienti da Costantinopoli: a cosa credete servissero, infatti, le numerosissime torri costiere di avvistamento disseminate su entrambi i versanti?
Il loro scopo era proprio, fin dal 1400, essere dei baluardi fortificati che potessero scorgere in anticipo le navi in arrivo all’orizzonte, avvisando per tempo l’entroterra.
Oggi molte di queste torri sono diroccate, a causa dei materiali sfruttati all’epoca per la loro edificazione, ma molte altre sono state riattate e restaurate divenendo dei simboli del Salento tutto come nel caso della caratteristica “scacchiera” di Torre San Giovanni.

Il Barocco Leccese

Barocco LecceseEsplorando l’entroterra, invece, avrete la sorpresa di scoprire un’area storico-architettonica che include Lecce ed alcuni comuni limitrofi tra i quali Gallipoli In tutti domina una particolarissima architettura definita Barocco Leccese, una deriva ancor più esuberante e floreale del Barocco tradizionale, fatta di facciate istoriate e decorate con temi incredibilmente vari, dall’araldica alla mitologia, passando per la flora e la fauna.
Favorito dalla naturale malleabilità della Pietra Leccese, talmente ricca di argilla da poter essere quasi lavorata a mano, il Barocco Leccese ha in più la peculiarità di assumere diverse tonalità a seconda dei momenti della giornata e dell’incidenza dei raggi del sole: anche questo è diretta conseguenza di un materiale realmente speciale ed unico nel suo genere!

La gastronomia salentina

Per concludere, non va dimenticato che in Salento è possibile apprezzare una cucina ricchissima di sapori e di profumi e realizzata a partire da ingredienti semplici e “poveri”, come da tradizione per un popolo che ha sempre dovuto confrontarsi con le ristrettezze economiche.
Uno sfrenato uso della fantasia si riscontra ad esempio nella preparazione dei dolci, i quali risentono molto dell’influenza degli ingredienti originari del mondo bizantino quali le mandorle, mentre è molto diffusa la coltivazione di vitigni dai sapori particolarmente intensi e robusti: basti citare un vino fermo e corposo quale il Primitivo di Manduria per stuzzicare i palati più raffinati!

Ve lo avevamo promesso: i temi per una vacanza ristoratrice in Salento ci sono tutti, e probabilmente l’inizio di giugno è anche il miglior periodo dell’anno per godersi questa terra dalle infinite sfaccettature ma che in estate inoltrata diventa molto più caotica perché meta dei turisti attratti soprattutto dai suoi fantastici litorali.
Scoprirete un angolo d’Italia che saprà regalarvi emozioni e ricordi indimenticabili in serie!