Impianti domotici per avere una casa all’avanguardia


La qualità della vita passa attraverso determinate scelte nei luoghi in cui viviamo quotidianamente. La domotica si occupa di migliorare le nostre azioni quotidiane attraverso lo studio delle tecnologie più all’avanguardia, che permettono di creare dei sistemi di controllo e gestione degli impianti installati negli ambienti abitati e di fruirne in maniera semplice e pratica. Un impianto domotico è definito anche impianto “intelligente”, poiché consente di rendere quanto più virtuali le relazioni fra i singoli elementi che compongono gli impianti presenti in casa e negli ambienti antropizzati: la grande innovazione resta, dunque, la capacità degli sistemi domotici di snellire gli impianti, ottimizzandone le funzioni, l’ingombro spaziale, ma soprattutto facilitando il controllo completamente automatizzato. Nel settore degli impianti domotici Vicenza si aggiudica una posizione elevata nella classifica italiana, sia grazie alla presenza di aziende all’avanguardia qualificate nell’installazione di impianti speciali, come Riva Impianti S.r.l., sia grazie alla forte richiesta sul territorio di installazione di sistemi domotici nelle nuove abitazioni e in quelle in fase di ristrutturazione, migliorando lo stile di vita in maniera diffusa sul territorio.

Gli impianti domotici integrati sono essenzialmente gestiti da una centrale di controllo. Essa viene collegata alla linea telefonica, attraverso cui l’interlocutore, guidato da una voce automatica, può gestire, controllare e modificare le impostazioni degli impianti collegati alla centrale. Gli impianti collegabili al sistema di domotica integrata sono:

  • gli impianti di riscaldamento/raffrescamento, i quali regolano il comfort ambientale della casa e possono essere regolati valutando il rapporto comfort/consumo in ogni ambiente;
  • gli impianti di sicurezza, quali i sistemi antifurto e antintrusione, gli impianti antincendio, i segnalatori di perdite di gas e di acqua, il cui controllo è affidato all’impianto domotico che in automatico provvede a segnalare l’allarme ai numeri di soccorso e può essere seguito da lontano e in qualsiasi momento;
  • gli impianti elettrici e gli elettrodomestici, che possono essere gestiti in maniera semplice e veloce, programmabili con poche operazioni con risultati ottimali, non solo dal punto di vista dell’organizzazione, ma anche ai fini di un risultato esteticamente piacevole;
  • gli impianti di videosorveglianza, che possono funzionare in maniera intelligente, evitando sprechi e informazioni inutili ed attivandosi solo in caso vengano percepiti movimenti oppure in orari stabiliti preventivamente;
  • gli impianti motorizzati di chiusure e serramenti, attivabili automaticamente o con funzioni da telefono;
  • gli impianti audio, differenziabili per zone audio indipendenti.

In particolare, gli impianti elettrici hanno acquisito “intelligenza” grazie all’inserimento di moduli elettronici, installati dietro qualsiasi interruttore e scatola di derivazione e collegati attraverso sottili cavi (BUS), tali da scambiarsi informazioni digitali e regolare l’accensione o lo spegnimento di punti luminosi non per forza collegati fisicamente dai cavi elettrici di un impianto tradizionale. La facilità con cui i punti luminosi vengono collegati tra loro e con le scatole di derivazione rende la casa “intelligente”. In effetti, in un impianto tradizionale, un interruttore collegato al punto luminoso resta tale e non può collegarsi ad altri punti luminosi. L’intelligenza di un sistema domotico, invece, sta proprio nella velocità e flessibilità nel riprogrammare ogni pulsante sulla base delle nostre esigenze e soprattutto nella possibilità di far rispondere a più azioni lo stesso pulsante, attraverso una diversa codifica del comando, riducendo la presenza di cavi ingombranti a favore di piccoli alloggi per i cavi di ultima generazione BUS.