Il canton Zug un nuovo paradiso fiscale


Secondo uno studio del Credit Suisse ha raggiunto il Canton Zug come tassazione, l’istruzione, la produttività del lavoro e mezzi di trasporto la migliore posizione in Svizzera. Non è stato sempre così.
Nel 19 ° secolo il  Canton Zug è stata una delle regioni più povere della Svizzera. E’ stata quasi esclusivamente agricola.
Nel 1960, ha registrato il più alto debito pro capite nel paese  . Il reddito medio è risultato significativamente inferiore alla media nazionale. Ma per l’iniziativa di alcuni imprenditori,  grazie a loro il Cantone ha cominciato a rifiorire.

1834  Wolfgang Henggeler a Unterägeri aveva fondato un cotonificio. E ‘stata la prima fabbrica a Canton Zug. Inaugurato nel 1866, l’americano George Ham  ha fondato a Cham, una piccola fabbrica di latte condensato, il primo in Europa. Durante questo tempo, si è collegato con la rete ferroviaria svizzera, il  che ha accelerato il suo sviluppo economico.
Il commodities trader Philipp Brothers si trasferisce nel 1956  , dieci anni dopo l’introduzione di una nuova legge fiscale.

tasse basse e la vicinanza all’aeroporto di Zurigo hanno trasformato il Canton Zug nella seconda metà del secolo scorso in un importante centro finanziario e commerciale.
Oggi il Zug è il cantone più ricco della Svizzera, con un tasso di disoccupazione del 1,9 per cento e un prodotto interno lordo che ha messo l’Istituto BAK Basel Economics alla fine del 2010 con 117.000 franchi per abitante.

A 30 minuti dal centro commerciale di Zurigo e dalla destinazione turistica Lucerna prevale in Canton Zug per molti anni la stabilità economica, finanziaria, politica e sociale. I residenti hanno meno di 40 anni in media. Più del 10 per cento ha un diploma di laurea, il che significa un record  in base all’ Ufficio federale di statistica svizzero.
“Il Zug è bello e più sicuro di qualsiasi altro posto”, dice la casalinga Natalie Steyger. Suo marito lavora in una società di abbigliamento sportivo internazionale. “Dopo le nostre visite a Città del Capo e Sydney è un sogno che si avvera per noi di vivere in un posto tranquillo vicino al lago e le montagne.”
Chi si stabilisce a Canton Zug, riceve dal Ministero dell’Economia una “Guida Expat”. Ci sono quattro scuole internazionali e diversi club internazionali per la non-lingua tedesca.

Per alcuni residenti del Zug la posizione era troppo tranquilla e bella. E quasi tutti hanno lamentato l’alto costo della vita. I prezzi degli immobili sono aumentati notevolmente negli ultimi anni: per un 6 locali a Ägerisee, secondo Internet i mediatori immobiliari di Homegate chiedono fino a 5 milioni di franchi da pagare.
“I prezzi per gli appartamenti sono scandalosi”, dice lo svizzero Petra Fetting, che ha vissuto 10 anni nella regione.  Per il resto si vive molto bene qui.