I pavimenti autolivellanti, alternativa economica e rapida ai rifacimenti


Data l’usura continua a cui sono sottoposti e il loro ruolo fondamentale (in tutti i sensi) ai fini del business, le pavimentazioni industriali e commerciali vengono – o perlomeno dovrebbero essere! – realizzate dalle aziende di settore con materiali e tecnologie tali da garantire una lunga e proficua durata temporale.

Logo di BMB SystemNulla però è eterno, ovviamente, e di conseguenza anche in presenza di un’elevata qualità costruttiva prima o poi con il passare del tempo le pavimentazioni iniziano a deteriorarsi, scolorirsi, consumarsi, fino addirittura a creparsi e mostrare profondi segni di alterazione.

Al solo sentir nominare la parola “rifacimento” i proprietari di negozi, fabbriche e showroom si mettono le mani nei capelli – e ne hanno ben donde, dal momento che oltre a essere interventi complessi che causano una forzata interruzione di attività del business si tratta anche di lavori costosi per cui occorre parecchio tempo.

Questo però non è un destino inevitabile: se si interviene per tempo, ovvero quando le pavimentazioni presentano solo brutture estetiche ma nessun cedimento strutturale, è possibile rifarle attraverso la deposizione di un pavimento autolivellante.

Una soluzione di questo tipo si presta bene sia per le pavimentazioni di ampie estensioni che per quelle che occupano aree più contenute. Il ripristino avviene in tempi competitivi e anche i costi sono decisamente interessanti, dal momento che vengono del tutto tagliate le voci di spesa relative alla demolizione e alla rimozione del pavimento vecchio, oltre a quelle di preparazione della nuova superficie.

Specialista in pavimentazioni autolivellanti è BMB System, che realizza in tutta Italia le sue superfici calpestabili offrendo materiali di qualità elevata e ampie possibilità di personalizzazione.