Gli accessori bagno essenziali


Quando si parla di accessori bagno, ormai ci si riferisce a tutta una serie di complementi d’arredo divenuti indispensabili per progettare e usare un bagno. Non più e non solo porta salviette e porta spazzolini e spazzoloni, ma tutta una serie di optional divenuti per tutti irrinunciabili.
Questo perché oggi ciascun di noi trascorre una buona parte della sua giornata in bagno per la cura della propria persona, per un momento di relax, per farsi una sauna o una doccia idromassaggio.
E da questo ambiente si esige la massima funzionalità ed il massimo comfort.
Ecco perché gli accessori bagno si sono moltiplicati per venire incontro ad ogni diversa esigenza soggettiva e sono divenuti sempre più sofisticati per adeguarsi alla tecnologia dilagante.
Il gruppo di accessori bagno più classico è quello che comprende i tradizionali oggetti che da decenni si vedono troneggiare in ogni stanza da bagno.

Portaspazzolini, portasalviette e porta carta igienica.
Oggi la tendenza unita alla praticità impone di fare a meno della visibilità di una serie infinita di oggetti che fino a qualche anno fa popolavano i nostri bagni. In primis il portasapone. I più moderni mobili da bagno contengono al loro interno tutti gli accessori che pure sono indispensabili per la cura della persona, ma che possono rimanere rigorosamente nascosti. Tutto è a portata di mano, ma estraibile, incassato, nascosto negli armadietti.
Perché l’idea che il bagno sia multifunzionale e super attrezzato non implica che debba essere un’esposizione permanente di cianfrusaglie. L’immagine che un bagno moderno deve comunicare è quella di pulizia, ordine e simbolicamente quella di serenità.

Fondamentale, nella scelta degli accessori più importanti da inserire in una stanza da bagno è senza dubbio l’attenzione ai materiali con cui sono realizzati. In un ambiente umido, a contatto con l’acqua, è essenziale curare la scelta di ogni oggetto che deve essere stabilmente inserito al  suo interno.
Acciaio inox, pvc o legno massello sono i materiali che comunicano un’ ottima qualità.
Prima ancora del design, quindi, occorre dare un’occhiata alla qualità. Nel bagno, più che in ogni altra stanza deve predominare la scelta di oggetti superiori, durevoli ed efficienti. Altrimenti si rischia di trasformare il bagno in una sorta di museo di oggetti fatti solo per l’esposizione o, al contrario si rischia di dover cambiare ogni mese gli accessori.

Completano la serie degli accessori strategici anche le luci e le tende che in un bagno non possono mai mancare e vanno scelte con particolari cautele. Stesso discorso va fatto per i cristalli della doccia o per i tappetini.
Per evitare errori nella scelta dei colori o delle dimensioni, il progetto di un bagno deve prevedere la giusta collocazione dei suoi arredi a 360°. Tutto, anche un applique o uno specchio, va calcolato su misura ed in funzione della luce esistente o da creare. I colori vanno abbinati con cura per evitare confusione ed effetti antiestetici o chiaroscuri indesiderati.
E gli accessori, nessuno escluso, devono contribuire tutti a dare un’immagine positiva del bagno.