Fotovoltaico: la collaborazione tra F2i ed Enel Green Power


Efficienza e risparmio energetico, riduzione delle emissioni di CO2, tutela dell’ambiente: sono questi i presupposti alla base della joint venture tra F2i ed Enel Green Power, società che operano nel fotovoltaico.

F2i - Fondi Italiani per le Infrastrutture

Energie Rinnovabili: gli impianti nati dalla joint venture tra F2i ed Enel Green Power

F2i ed Enel Green Power hanno stretto una joint venture lo scorso anno che ha già portato all’ottenimento di una serie di importanti risultati in termini di efficientamento e risparmio energetico, tutela dell’ambiente e riduzione di CO2. HFV – Holding fotovoltaica S.p.A., società controllata dal fondo guidato dall’Amministratore Delegato Renato Ravanelli, ha infatti lavorato all’installazione di una serie di impianti fotovoltaici su 26 palazzine del comprensorio militare della Cecchignola, situato a Roma. Dall’analisi dei dati sarebbe emerso che, dall’agosto 2012 al 2015, questo progetto avrebbe garantito la produzione di oltre 8.560.000 kWh di energia, 2.730.000 kWh per anno, ovvero il consumo di quasi 700 famiglie. A questo aspetto si aggiunge il vantaggio in termini di immissione di anidride carbonica nell’atmosfera: ben 5.000 tonnellate risparmiate ad oggi (con relativo beneficio a livello ambientale). Per la qualità e l’importanza della loro realizzazione, gli impianti della Cecchignola sono stati il luogo per workshop che hanno visto la partecipazione di importanti figure a livello istituzionale.

F2i – Fondi Italiani per le Infrastrutture: storia e core business

Società di Gestione del Risparmio avviata a partire dal gennaio del 2007, F2i si è specializzata sin dalla sua fondazione negli investimenti in ambito infrastrutturale. Alla creazione del fondo hanno contribuito istituti di credito nazionali ed esteri, Fondazioni, Casse di previdenza ed Assicurazioni. Le attività di F2i si sono rivelate di grande importanza a livello strategico e hanno favorito lo sviluppo infrastrutturale del Paese, in particolare attraverso la realizzazione o gestione di aeroporti, autostrade, impianti di distribuzione del gas, servizi idrici integrati, TLC e impianti fotovoltaici. Sono stati avviati due fondi per la raccolta degli investimenti: il primo, autorizzato nell’agosto del 2007, si è chiuso con una cifra pari a 1.852 milioni di Euro; il secondo, approvato nel luglio del 2012, ha raggiunto 1.242,5 milioni di Euro. Questi dati hanno contribuito all’affermazione di F2i come più importante fondo di investimenti nel settore a livello nazionale e tra i più rilevanti anche su scala internazionale.