Il Forte Nugent di Pastrengo

Il Lago di Garda è meta ogni anno di milioni di turisti che lo scelgono come località di villeggiatura, ma offre anche diverse attrattive culturali e luoghi storici nelle sue vicinanze e nell’entroterra. La zona tra Pastrengo, Peschiera del Garda e Rivoli Veronese, per esempio, è piena di antichi forti risalenti alla dominazione austriaca. Di particolari rilievo è il Forte Poggio Pol di Pastrengo.


Il Forte Nugent di Pastrengo
Il Forte Nugent di Pastrengo

Originariamente dedicato a un generale austriaco, si chiamava Forte Nugent. L’attuale nome gli deriva dal poggio dov’è situato e gli fu assegnato nel 1866 con l’annessione del Veneto al Regno d’Italia. Il Forte Nugent fu costruito tra il 1859 e il 1861 per volere del feldmaresciallo Radetzky e fu progettato per proteggere la città di Verona da possibili attacchi dalla direzione di Peschiera del Garda, proprio com’era accaduto nel 1848. La posizione è particolarmente strategica, poiché dall’alto si dominano la città di Verona e la valle Atesina, tutto il tratto meridionale del Garda, il monte Baldo e le colline gardesane.

Il forte era un vero e proprio baluardo delle fortificazioni austriache: ospitava 16 pezzi di artiglieria di diverso calibro ed era in grado di colpire la zona dell’Adige fino a Bussolengo e Pescantina. La pianta pentagonale lo rende uno dei più eleganti forti austriaci rimasti e uno dei meglio conservati. Oggi i vasti locali interni che un tempo servivano ad alloggiare armi, provviste e un’ottantina di soldati, anche per lunghi periodi, ospitano il ristorante “Al Forte”, ristorante romantico Lago di Garda.