F2i – Fondi italiani per le infrastrutture: i piani di investimento


Punto di riferimento nel settore delle infrastrutture, F2i – Fondi italiani per le infrastrutture è una SGR tra le più grandi in Europa, passata nel 2014 sotto la guida dell’Amministratore Delegato Renato Ravanelli.

F2i - Fondi italiani per le infrastrutture

Le caratteristiche di F2i – Fondi italiani per le infrastrutture

Costituita nel 2007, F2i – Fondi italiani per le infrastrutture è diventata negli anni uno dei player di maggiore rilevanza nel settore, operando su scala nazionale e internazionale. I principali ambiti nei quali F2i – Fondi italiani per le infrastrutture investe sono trasporti, infrastrutture, gas ed elettricità, distribuzione d’acqua, servizi pubblici, gestione dei rifiuti, infrastrutture sociali e sanità, ma anche telecomunicazioni e media. Due i Fondi stanziati dalla SGR, guidata dal Presidente Leone Pattofatto e dall’Amministratore Delegato, Renato Ravanelli: il Primo Fondo F2i è stato istituito nel 2007, mentre il Secondo è attivo a partire dal 2012. L’orizzonte temporale di investimento dei due Fondi è di 15 anni, con un ammontare totale di 1.852 milioni di Euro totalmente da parte del Primo Fondo. Per quanto riguarda invece il Secondo Fondo, l’iniziale obiettivo di 1.200 milioni di Euro è stato superato con la chiusura del fund raising, nel luglio del 2015, con una raccolta complessiva pari a 1.245,5 milioni di Euro. I Fondi della SGR si pongono, tra le altre cose, quali punti di riferimento del settore delle infrastrutture sia in ambito pubblico che privato, promuovendo anche processi di privatizzazione, agendo quale punto di incontro tra investitori nazionali ed internazionali.

F2i – Fondi italiani per le infrastrutture: piani di investimento

Uno dei più importanti progetti di finanziamento di F2i è quello relativo a 2i Rete Gas (precedentemente Enel Rete Gas), società che si occupa di distribuzione del gas naturale, caratterizzata da una natura “indipendente”, che si astiene, quindi, dal mercato della vendita. Tale investimento ha preso avvio nel 2009, anno dal quale l’operatore ha fatto registrare una costante crescita, in particolar modo attraverso un percorso di aggregazioni societarie: tra i risultati principali spicca quello raggiunto nel 2011, quando F2i ha acquisito 2iGas Infrastruttura Italiana Gas S.r.l. (in precedenza E.On Rete S.r.l.) e G6 Rete Gas S.p.A., rispettivamente settimo e sesto operatore a livello nazionale. Grazie a tali acquisizioni, 2i Rete Gas ha acquisito una posizione fondamentale nel mercato della distribuzione del gas in Italia, agendo da convogliatore e catalizzatore all’interno di un sistema ancora in definizione in materia di coesione. Attraverso l’investimento in 2i Rete Gas, F2i – Fondi italiani per le infrastrutture controlla una quota di mercato del 17% circa.