Ecco A Chi È Possibile Dare Il 5 Per Mille, Punta Ad Una Onlus

Il 5 per mille è una quota del contributo Irpef che lo Stato Italiano permette di devolvere direttamente agli enti che si occupano del terzo settore e quindi di attività utili da un punto di vista sociale. Per decidere a chi destinare il 5 per mille è importante informarsi bene su tutte quelle che sono le realtà competenti e che possono beneficiare di questo contributo. Le Onlus ricevono il 5 per mille ad esempio, perché si impegnano sul territorio da un punto di vista sociale e quindi vengono premiate con questo scopo. Scegliere una Onlus a cui destinare il 5 per mille è molto importante perché darà l’occasione a questa attività di poter svolgere sempre più azioni sul territorio in virtù di quelli che sono i suoi principi e le linee guida.


Ecco A Chi È Possibile Dare Il 5 Per Mille, Punta Ad Una Onlus
Ecco A Chi È Possibile Dare Il 5 Per Mille, Punta Ad Una Onlus

Le Linee Guida Per Donare Il 5 Per Mille Ad Una Onlus

Se avete intenzione di donare il 5 per mille ad una Onlus è importante informarsi bene su quali sono gli enti che possono ricevere questo contributo. Una Onlus, ad esempio può ricevere il 5 per mille. Il contribuente potrà destinare il 5 per mille dell’Irpef,ovvero l’imposta sul reddito semplicemente mettendo una firma in uno dei riquadri che si trovano sui modelli per la dichiarazione dei redditi. Una Onlus con il 5 per mille riuscirà a poter portare a compimento e di maniera molto più energica e sostanziale una serie di azioni di sostegno nell’ambito del terzo settore. Inoltre, oltre alla Onlus, il 5 per mille può essere devoluto anche ad associazioni di volontariato di tipo non lucrativo e che hanno una particolare utilità sociale. Inoltre è possibile anche puntare su:

  • Associazioni di promozione di tipo sociale;
  • Fondazione che lavorano nell’ambito del sociale;
  • Enti che si occupano della ricerca sanitaria;
  • Enti che lavorano nell’ambito universitario scientifico;
  • Attività di valorizzazione di beni culturali promozione e paesaggistici;
  • Attività di tipo sociale del Comune;
  • Associazioni sportive dilettantistiche riconosciute dal Coni ed in linea secondo quelli che sono i principi della normativa vigente.

Per essere informati su quali sono le attività che possono beneficiare del 5x mille, è possibile consultare l’elenco presente sul sito dell’agenzia delle entrate.

 

Cosa Accade In Caso Di Mancata Scelta Di Una Onlus Per Il 5 per mille

In caso di mancata scelta di una Onlus per il 5 per mille, il contribuente lascerà nelle mani dello Stato la propria quota. È chiaro che lo stato comunque avrà l’obbligo di utilizzare dei fondi per il terzo settore, ma dichiarare in maniera precisa quale deve essere l’orientamento per sostenere i costi di questo momento è molto importante perché si darà un’opportunità unica, a che opera in un settore così delicato e soprattutto, poco sovvenzionato come quello sociale. Invece, indicando il codice fiscale della Onlus a cui donare 5 per mille, oppure apponendo una firma nelle aree specifiche, si potrà ottenere un aiuto importante per chi si occupa in maniera preminente rilevante del sociale.

 

A Quale Onlus Donare Il 5 Per Mille

Se non sapete a quale Onlus donare il 5 per mille, allora non vi resta che informarvi direttamente su quello che è il sito dell’agenzia delle entrate. Lì ci troverete tutto l’elenco di tutte quelle che sono le realtà associative che lavorano nell’ambito sociale in maniera continuativa e rilevante. Potete restare informati su quelle che sono le singole attività di riferimento e di conseguenza, avere delle grandi soddisfazioni in futuro quando potete vedere che anche grazie ai vostri soldi alcune azioni sociali vengono fatte. Poiché si tratta di una scelta che non comporta degli oneri aggiuntivi per i contribuenti, è sempre consigliabile scegliere una Onlus per il 5 per mille. Di certo non ve ne pentirete, anzi sicuramente farete una buona azione.