Dalle strategie social media marketing all’esperienza di shopping online: il futuro 3.0 della moda


Uno degli ultimi appuntamenti più interessanti svoltosi a Milano è senza dubbio Decoded Fashion, che ha visto succedersi incontri, seminari e tavole rotonde incentrate sulla triade innovazione-moda-futuro. Aspetti che sono stati studiati da giovani start-uppers di tutto il mondo, i quali hanno esposto diversi progetti che vanno a confermare e rafforzare quanto già sappiamo: le strategie del mondo fashion del futuro si attueranno soprattutto tramite il web.

Come? Attraverso esperienze di shopping online orientate sempre più alla soddisfazione del cliente (prima ancora di avere il prodotto tra le mani) e tramite strategie di marketing ad hoc che elaborano attività mirate di marketing attraverso dati presi da internet. Dalla Gran Bretagna la start-up Antavo ha presentato un software cloud-based che si rivolge ad aziende e operatori di e-commerce per la gestione di campagne promozionali, mentre invece da Israele l’azienda mmuze ha esposto una piattaforma per e-retailer che sfrutta i dati presenti online per elaborare attività di marketing mirate.

e-commerce foto presa da jalapenocommunication

Cambiando nazione e guardando, invece, a quel che succede in “casa nostra” possiamo affermare che non siamo da meno: l’agenzia social media marketing Milano Business4People, ha lanciato VOICR, una piattaforma di Influencer Marketing che si rivolge, per l’appunto, agli influencer. Questi ultimi diventano veri e propri ambassador dell’azienda, facendo conoscere i prodotti della stessa attraverso, ovviamente, i social network.

Abbiamo parlato di shopping online, quali sono in questo senso le innovazioni che cambieranno il modo di fare acquisti? Non più solo la possibilità di farlo comodamente da casa, ma anche di personalizzare ogni dettaglio di quel che si compra. Come se si avesse a disposizione un sarto personale a cui dire come vorremmo la lunghezza delle maniche, la forma del colletto e tutti quei particolari che spesso non si trovano in un capo ready-to-wear.

Importanti innovazioni che cambiano, ancora di più, il modo di approcciarsi verso il mondo moda, ma cosa ne è della sensazione di toccare un capo, di sentire la morbidezza del tessuto, di sentirsi perfetti mentre lo si indossa? Chissà, magari nel prossimo futuro qualcuno riuscirà a creare un software che riuscirà a sostituire anche tutto questo.