Cosa sono i rimedi omeopatici


L’omeopatia può rappresentare una valida soluzione per svariati tipi di disturbi, sia legati alla sfera psichica (ad esempio ansia, depressione) che più propriamente fisici come mal di gola, raffreddore, cistite, gotta… Sempre più persone ricorrono all’omeopatia con molta soddisfazione.

I vantaggi dell’omeopatia

La parola omeopatia deriva dal greco omoios, che significa simile, e pathos, che sta per malattia. Si tratta di rimedi che si basano sul principio di curare il simile con il simile e sulla capacità dell’organismo di guarire da se’: l’omeopatia prevede di somministrare, in dosi parecchio diluite, delle sostanze naturali che permettono che la stimolazione del sistema immunitario avvenga. I rimedi omeopatici si sono imposti per vari motivi: in primis il loro essere naturali. Si tratta infatti di sostanze ricavate dal mondo delle piante e dei minerali. Da questo deriva il loro essere praticamente privi di effetti collaterali dannosi, cosa che invece i classici farmaci non possono garantire.

Molti di essi, infatti, possono portare effetti collaterali, anche molto fastidiosi. Non ci sono problemi in caso di sovradosaggio o ingestione accidentale, al contrario di quanto avviene con i farmaci. In qualsiasi fase della vita si può ricorrere ai rimedi omeopatici: non ci sono controindicazioni neanche per i bambini e i neonati. Permettono una cura personalizzata: chi somministra il trattamento omeopatico, infatti, terrà conto dell’individuo e proprio dall’individuo partirà per mettere a punto il trattamento. I rimedi omeopatici si trovano in granuli (l’ideale se il rimedio deve essere assunto più di una volta nel corso della giornata), globuli (più piccoli dei granuli) e gocce, che si usano in special modo quando i rimedi sono a basse diluizioni.

È importante, soprattutto se è la prima volta che ci si incammina nell’omeopatia, rivolgersi ad un buon omeopata se si ha intenzione di trovare un rimedio omeopatico al proprio disturbo.