Cosa fare dopo la maturità? 3 consigli utili tutti da seguire

La maturità è agli sgoccioli e non avete ancora la minima idea di cosa fare dopo aver finito e superato gli esami di maturità? Senza dubbio non è così semplice al giorno d’oggi avere le idee chiare sul proprio futuro. Siamo bombardati di notizie, stimoli tra gli i più disparati che spesso non fanno altro che confonderci ancora di più le idee.
Se avete bisogno di qualche spunto in modo da perlomeno avvicinarvi a ciò che volete fare nella vita, leggete i nostri consigli. Sarà un ottimo modo per aprire la mente e confrontarvi con voi stessi.


Cosa fare dopo la maturità? 3 consigli utili tutti da seguire
Cosa fare dopo la maturità? 3 consigli utili tutti da seguire

1. Lavoro nella ristorazione

Il campo della ristorazione è davvero in costante crescita nonostante la crisi. Sono tanti, infatti, i ristoranti che decidono di aprire nuovi locali, tutti tra i più disparati. Ovviamente le figure richieste sono molteplici: si passa dal cameriere al cassiere fino ad arrivare allo chef. Ovviamente, per fare il cuoco bisogna possedere una certa preparazione e aver fatto la scuola alberghiera. Tuttavia, se questo è il vostro sogno, si può sempre partire dal basso facendo i lavapiatti o gli aiuto-cuoco. Se invece volete solo racimolare qualche soldo, potete benissimo iniziare facendo i camerieri.

2. Lavoro negli eventi

Che siano discoteche che aziende di un certo prestigio, lavorare nelle pubbliche relazioni è senza dubbio soddisfacente e stimolante. Potete fare i pr presso agenzie che si occupano di organizzazione eventi Como, Milano e qualsiasi altra parte d’Italia. Ma è possibile benissimo lavorare anche in autonomia presso pub, discoteche o locali che organizzano tanti eventi. Si può partire da subito e senza troppa esperienza: la cosa più importante è avere grandi conoscenze, una predisposizione al contatto con il pubblico e grande voglia di fare e superarsi.

3. Lavoro nel commercio

Anche il commercio è un settore molto aperto, anche a nuove leve. Parliamo di addetti vendita, magazzinieri, store manager e via dicendo. Ovviamente intendiamo il classico commercio al dettaglio ma fanno parte di questo settore anche i venditori porta a porta. Per lavorare in qualsiasi tipo di negozio sarebbe bene avere un po’ di esperienza alle spalle (alcuni shop la richiedono) e una grande attitudine al contatto col pubblico. Questo perché il commesso deve essere in grado di convincere il cliente, consigliarlo nel modo più giusto, metterlo a suo agio e stimolarlo all’acquisto. Ecco perché è l’ideale possedere anche un carattere socievole e una personalità grintosa e forte. Il lavoro dell’addetto vendita non richiede lauree o grandi studi, solo grande voglia di mettersi in gioco.