Cori. Rifugiate politiche a lezione di pasta fresca fatta a mano presso il Centro del Sollievo per Anziani Fragili ‘Gaspare Bruschini’


Sono 10 donne straniere provenienti da Siria, Nigeria, Iran, Costa D’Avorio ed Ucraina e stanno frequentando il laboratorio sociale tenuto dalle anziane ospiti della struttura socio assistenziale distrettuale
Vengono da Siria, Nigeria, Iran, Costa d’Avorio ed Ucraina, sono 10 ragazze rifugiate politiche che stanno partecipando, a Cori, al laboratorio sociale di pasta fresca presso il Centro del Sollievo per Anziani Fragili ‘Gaspare Bruschini’. Le loro tutor sono le anziane ospiti della struttura socio assistenziale distrettuale, ed insegnano loro le tecniche di preparazione a mano della pasta fresca ed alcuni dei piatti tipici locali che con essa si possono cucinare.
Sono in tutto sei lezioni teoriche e pratiche, per un totale di 18 ore, durante le quali le giovani immigrate si esercitano a realizzare con le proprie mani diversi tipi di pasta fresca, anche ripiena, con ingredienti semplici e genuini, strumenti casalinghi di una volta e accessori moderni che la tecnologia domestica mette a disposizione. Realizzato il prodotto, sperimentano anche le varie modalità di condimento.
Imparando un mestiere le apprendiste straniere hanno la possibilità di ricostruire le proprie capacità ed opportunità, ritrovando quell’autonomia che favorisce il percorso di integrazione sociale. La donne del Centro invece rafforzano l’autostima, svolgendo un’attività socialmente utile che contribuisce a recuperare, valorizzare e tramandare saperi e tradizioni che rischiano di scomparire. Il tutto in un ambiente accogliente e in un clima di totale allegria.
Il progetto, condiviso dai Servizi Sociali e dall’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Cori, è realizzato dalla Cooperativa Sociale Astrolabio di Latina, che gestisce il ‘Gaspare Bruschini’ per conto del Consorzio Parsifal. Le partecipanti alloggiano nelle Case Famiglia della Cooperativa Astrolabio, nell’ambito del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR).
L’iniziativa conferma il ‘Gaspare Bruschini’ come luogo di eccellenza e servizio innovativo che arricchisce il territorio. Ubicato nei locali riqualificati dell’Ospedale di Comunità di Cori, è frutto di un’efficace sinergia tra pubblico e privato sociale. Rappresenta una valida alternativa al sociale e al sanitario per assistere l’anziano che non può contare su adeguati contesti di supporto, cercando di mantenerne e svilupparne le capacità residue e garantendo un sostegno alla famiglia.