Cori al centro dell’Europa grazie al programma Erasmus plus


Nei giorni scorsi la Città ha ospitato un incontro di 14 esperti nel settore delle tecnologie per l’educazione, provenienti da Italia, Turchia, Portogallo e Grecia, nell’ambito del programma Erasmus plus e per il progetto GILM (Modulo Innovativo per una Leadership Globale) per discutere dell’uso di internet come strumento di formazione e di opportunità per gli studenti ed i giovani in generale. In programma altri due appuntamenti, in Turchia e in Grecia, ai quali possono partecipare i giovani del territorio interessati.

Si è tenuto nei giorni scorsi presso la Biblioteca Civica ‘Elio Filippo Accrocca’ di Cori un incontro di 14 esperti nel settore delle tecnologie per l’educazione, provenienti da Italia, Turchia, Portogallo e Grecia, nell’ambito del programma Erasmus plus e per il progetto GILM (Modulo Innovativo per una Leadership Globale).

All’ordine del giorno del partenariato strategico l’uso di internet come strumento di formazione e di opportunità per gli studenti ed i giovani in generale. Promotore dell’iniziativa è la non-profit Futuro Digitale, nuova realtà della provincia di Latina, ma con un grande bagaglio di esperienze maturate in ambito internazionale, col supporto dall’associazione culturale ‘Arcadia’ e del Comune di Cori.

Organizzazione capofila del partenariato è l’Università BAU di Istanbul, mentre gli altri partner del progetto sono associazioni non-profit ed imprese sociali da Grecia, Portogallo e Italia. Il progetto ha portato avanti i lavori iniziati ad Istanbul a Gennaio, in cui sono coinvolti due giovani coresi, con l’obiettivo di coinvolgere altri partecipanti locali in brevi periodi di formazione sia in Europa che online.

Il prossimo appuntamento sarà a Luglio ad Istanbul, di nuovo per una formazione di due settimane a cui parteciperanno giovani dei quattro Paesi del progetto, in modo da essere i primi a sperimentare i metodi e i materiali innovativi del progetto all’interno dell’università BAU. Ne seguirà un altro in Grecia, a Larisa, a Novembre, per continuare il lavoro.
La formazione ed il viaggio dei giovani partecipanti sarà a carico della Commissione Europea mediante il programma Erasmus plus. I referenti della formazione per il territorio sono Francesco Zaralli e Marco De Cave. I giovani interessati sono invitati a cercare Futuro Digitale sulle reti sociali per inoltrare la propria richiesta di partecipazione.

Il programma Erasmus plus ora comprende tutti i programmi di mobilità per giovani e non giovani, per la formazione in aula e per quella pratica nei luoghi di lavoro. Futuro Digitale, infatti, ha ospitato a Cori già due stagisti dalla Spagna e uno dalla Slovenia per lavorare e collaborare con le realtà produttive locali.
Marco Castaldi
Addetto Stampa & OLMR