Cori: 24 nuove abilitazioni all’utilizzo extraospedaliero dei defibrillatori


Fine settimana di formazione per i 24 partecipanti al Corso BLSD (Basic Life Support Defibrillation) di rianimazione cardiopolmonare con uso del defibrillatore, finalizzato ad estendere la conoscenza dei fondamentali per sostenere in caso di necessità sanitaria e di primo intervento le funzioni vitali di una persona ed eventualmente utilizzare i defibrillatori a disposizione della comunità posizionati in paese.

Il corso è stato organizzato dalla Protezione Civile di Cori con il contributo Comune di Cori e tenuto dall’Associazione ‘Latina Cuore’, da anni impegnata a diffondere la cultura della prevenzione cardiologica. L’ente lepino non è nuovo a questo genere di iniziative sul territorio, con l’obiettivo di allargare la platea di cittadini abilitati ad usare, qualora ce ne fosse bisogno, i defibrillatori pubblici, alcuni dei quali donati in passato da ‘Latina Cuore’.


 

Cori nuove abilitazioni extraospedaliero defibrillatori


Le lezioni, a cura del dott. Paolino La Marca e presenziate dal vice Sindaco Ennio Afilani, dal Presidente della Protezione Civile di Cori Roberto Ceracchi e dal Presidente di ‘Latina Cuore’ Giovanni Stivali, si sono svolte al teatro comunale di Cori, sabato 6 (mattina e pomeriggio) e domenica 7 (mattina), a gruppi da 8 tra personale della Polizia Locale di Cori, della Protezione Civile di Cori e dei due centri anziani di Cori e Giulianello. La parte teorica sul riconoscimento e la gestione delle emergenze è stata affiancata da esercitazioni su manichino con l’impiego del defibrillatore. Un apparecchio utilissimo ogniqualvolta si manifesti un’aritmia cardiaca (fibrillazione ventricolare) al fine di bloccarla con una scarica elettrica.
Nello specifico i presenti hanno imparato ad adoperare il defibrillatore semiautomatico, che valuta direttamente la necessità o meno di defibrillare il paziente. Con un test finale è stata valutata l’acquisizione delle competenze BLSD dei frequentanti, ai quali è stato rilasciato l’attestato di partecipazione, riconosciuto in ambito nazionale e valido due anni, e l’autorizzazione ex lege all’utilizzo extraospedaliero dei defibrillatori semiautomatici.